Di Pietro: "Per la fiducia aspettiamo di vedere la squadra"

1' di lettura

L'Italia dei Valori aspetta di conoscere i componenti del governo e il programma per decidere se accordare o meno il proprio voto. "Oggi è il giorno della liberazione" ha detto l'ex magistrato. GUARDA IL VIDEO

LA DIRETTA DI SKYTG24

Berlusconi e le dimissioni:
- Il premier accolto dai fischi - La cronaca della giornataVideostoria del Cav - La festa in piazza: foto, i video su Youtube - L'ultimo giorno da premier: foto - 12 novembre 2011: tutte le foto - Tutti i video

Reazioni e approfondimenti: Maroni: si chiude un'epoca - Bersani: Via Berlusconi non vanno via i problemi - Il dito medio di FormigoniLe richieste del Pdl per votare Monti - Napolitano e la crisi - La situazione economica - Standing ovation del Pdl per Berlusconi - Cosa prevede la legge di stabilità - Il premier tra applausi e fischi

Altre foto: Da Berlusconi a Monti: le tappe della crisi

La satira: Gli Sgommati - Sora Cesira - Crozza

(in fondo all'articolo tutti i video sulla caduta del Governo)


"Oggi è il giorno della liberazione, ieri si è chiusa una epoca buia". Sono le prime parole che il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, pronuncia davanti alle telecamere al termine delle consultazioni con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. L'ex magistrato ha quindi fatto sapere che attende di conoscere la futura squadra del governo Monti, il programma e, soprattutto, la tempistica, ovvero la durata del nuovo esecutivo per decidere se accordare o meno la fiducia. "Noi attendiamo - ripete piu' volte Di Pietro - di conoscere la squadra, il programma e i tempi. Ci auguriamo che riesca, noi lavoriamo affinche' si realizzi", ma per dare la fiducia "attendiamo di conoscere squadra, programma e tempi".

Di Pietro ha auspicato un governo tecnico,"qualificato, senza  componenti politiche". Un esecutivo "che abbia rispetto per il  referendum elettorale. Abbiamo supplicato il capo dello Stato  affinché spieghi bene al presidente del Consiglio incaricato che la legge elettorale si potrebbe fare in due giorni con un Parlamento responsabile. Il Parlamento, però, è lo stesso e quindi per noi il  referendum rappresenta il punto d'arrivo oltre il quale non si può andare. Noi auspichiamo che tutto avvenga prima del referendum, faremo in modo che i provvedimenti economici questa volta siano improntati a  maggiore equità sia per chi finora non ha pagato e dovrà pagare, sia per quanti dovranno trarre benefici dalle misure economiche".

Leggi tutto