Alla Camera standing ovation del Pdl per Berlusconi. VIDEO

1' di lettura

I deputati del centrodestra si sono alzati per applaudire il presidente del Consiglio poco prima del voto sulla legge di stabilità e hanno scandito l’urlo "Silvio, Silvio". Il premier ha ringraziato con un leggero inchino. Guarda le immagini

Berlusconi e le dimissioni: cronaca del giorno più lungo

Gli approfondimenti:
Napolitano e la crisi - La Lega pensa già all' opposizione - La reazione della base sul web - La fotografia economica

Le reazioni e i commenti:
Buttiglione (Udc) - Cicchitto (Pdl) Maroni (Lega) - Napoli (Pdl) - D'Alema (Pd) - La Russa (Pdl) - Le parti sociali - Lagarde (Fmi) -De Bortoli (Corriere) - Ferrara (Il Foglio) - I corrispondenti internazionali

Le foto: Manovre di Palazzo - Senato, primo giorno di Monti - L'album fotografico

La satira: Gli Sgommati - Sora Cesira - Crozza

Applausi scroscianti e urla: “Silvio Silvio”. Lui, il premier Berlusconi, si alza. Ringrazia, emozionato. Poi fa un leggero inchino.
Ha il sapore di una standing ovation la scena che si è vissuta alla Camera sabato 12 novembre poco prima del voto sulla Legge di stabilità.
Gli applausi sono scattati dopo l'intervento del capogruppo Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, che ha ringraziato Silvio Berlusconi per quanto fatto in questi anni al governo e di impegno politico.
"Si è dimesso pur non avendone l'obbligo", ha sottolineato Cicchitto. A quel punto tutti i deputati della maggioranza si sono alzati in piedi scandendo il nome del presidente del Consiglio e applaudendo. Il premier, visibilmente emozionato, si è alzato dal banco del governo ricevendo l'omaggio dei parlamentari che lo hanno sostenuto, con un leggero inchino.

L’ok dell’Aula di Montecitorio ha aperto la strada alle dimissioni del presidente del Consiglio, che pochi giorni fa aveva annunciato d’accordo con il capo dello Stato il passo indietro dopo l’approvazione del ddl. Gli occhi sono puntati ora sul nuovo governo.

Leggi tutto