Di Pietro: "Pronto a sostenere Bersani alle primarie"

1' di lettura

Il leader dell'Idv in un'intervista all'Unità apre al segretario del Pd: "Sono pronto a una scelta di responsabilità ma solo se funzionale al rafforzamento della coalizione". E su Renzi: "E' una risorsa, sbagliato criminalizzarlo"

Guarda anche:
Renzi e il Wiki-PD: la tag cloud delle 100 proposte - Renzi fa il suo Big Bang, tensione con Bersani - Pd, Renzi: "Non siamo ragazzini". Bersani: "Idee vecchie" - Pd: Renzi versus Bersani

"Rinunciare alle primarie è un passo indietro importante che potrei prendere in considerazione solo solo se funzionale alla chiarezza e al rafforzamento della coalizione per voltare pagina rispetto all'incubo Berlusconi e per contrastare la macelleria sociale che ci circonda". Il leader dell'Idv Antonio Di Pietro, intervistato dall'Unità, si dice disposto a fare "una scelta di responsabilità" sostenendo Bersani alle primarie di coalizione.

"Il Pd diviso è un danno per tutti", sottolinea Di Pietro, che spiega di temere "l'effetto Molise", con più esponenti del Pd - "Renzi, Zingaretti o altri" - candidati alle primarie di coalizione e il "rischio di assistere all'ennesimo scannamento". Tuttavia, aggiunge, "Renzi è una risorsa, pone delle questioni, è un pungolo. E' sbagliato criminalizzarlo".

Il leader dell'Idv auspica "un'alleanza di legislatura con Casini, senza veti né preconcetti". Quando si andrà al voto, sostiene, "è matematicamente certo che Casini farà quello che dice di essere, il Terzo Polo, per giocare il ruolo dell'ago della bilancia".

Di Pietro difende la proposta di una contro-lettera all'Ue firmata da Idv, Pd e Sel. "Dobbiamo portare in Europa le nostre proposte e far vedere al resto del mondo che un'alternativa a Berlusconi esiste già", afferma.

La riforma del lavoro non è più rinviabile, prosegue, ma "il rilancio dell'economia deve passare prima da altri punti, non certo dai licenziamenti facili o dalle pensioni". Sul rischio terrorismo evocato dal ministro Sacconi (VIDEO), "dirlo e basta non serve, non può mettere in pace le coscienze", dichiara Di Pietro. "Bisogna dare risposte al problema. Servono fatti e non parole".

Leggi tutto