Legge elettorale, Casini: "Nessuna trattativa con il Pdl"

1' di lettura

Il leader dell’Udc nega a SkyTG24 di avere contatti riservati con il centrodestra: “Hanno le idee confuse: un giorno Berlusconi dice che è necessario reintrodurre le preferenze e il giorno dopo dal suo partito si alzano le voci contrarie”. VIDEO

Guarda anche:
Berlusconi: "Il Porcellum? Colpa di Ciampi"
Referendum elettorale: c'è chi dice no
Le differenze tra Porcellum e Mattarellum

Non c'è nessuna trattativa con il Pdl sulla legge elettorale. Lo ha detto il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, intervistato da Maria Latella su SkyTG24, parlando della possibile reintroduzione delle preferenze in una nuova legge elettorale. "Non c'è per la semplice ragione che nel Pdl hanno le idee confuse. Il presidente del Consiglio ha detto una cosa giusta sulle  preferenze ed è stato subito contraddetto da tutti quelli che pensano di non essere rieletti".

Il presidente del Senato, Renato Schifani, sabato 22 ottobre ha detto che le  preferenze sono un meccanismo che andava bene per la Prima Repubblica. "Se questa è la seconda - ha commentato Casini- si capisce bene  perché i cittadini rimpiangono la prima Repubblica. Bisogna dare ai  cittadini la possibilità di scegliere i parlamentari". Questo  risultato si può ottenere "con i collegi uninominali o con le  preferenze. Comunque questa legge elettorale, così com'è, non va bene".

E ha concluso: "Molti parlamentari che combattono le preferenze lo fanno  perché temono di non essere rieletti. Gli va bene lo status quo e essere designati dai partiti, perché è più facile rientrare nelle grazie del leader piuttosto che ammazzarsi di lavoro per andare a prendersi i voti con  il contatto diretto con i cittadini".

Leggi tutto