Molise, vince il centrodestra per un soffio

1' di lettura

Michele Iorio si conferma governatore della regione con il 46,94% dei voti, contro il 46,15% del suo avversario Paolo di Laura Frattura. Sorpresa del Movimento 5 Stelle, il cui candidato supera il 5%. Calo dell'affluenza. Tutti i risultati

Guarda anche:
Scopri tutti i risultati
Nelle elezioni in Molise scomparso il nome di Berlusconi
Candidato il figlio di Di Pietro. E' polemica

Vittoria al fotofinish di Michele Iorio (Pdl) alle regionali del Molise. Determinante, come già accaduto in Piemonte, il consenso ottenuto dal Movimento 5 stelle di Beppe Grillo, che ha sottratto preferenze soprattutto al centrosinistra. Il presidente uscente, che si avvia a governare per il terzo mandato consecutivo, ha ottenuto il 46,94% dei voti scrutinati (89.142) nelle 392 sezioni. Il suo avversario diretto di centrosinistra, Paolo di Laura Frattura, dopo una notte di rocambolesche fughe e risultati ribaltati, si è fermato qualche centinaio di voti dietro, al 46,15% (87.637). Cinque anni fa Michele Iorio aveva battuto il suo avversario con oltre il 54% dei voti.

Un risultato in controtendenza rispetto ai sondaggi delle ultime settimane, che accreditavano a Iorio un vantaggio molto più deciso. A penalizzare il candidato del Pdl è stato soprattutto il voto disgiunto, dato che le liste che lo sostengono hanno ottenuto una somma di voti maggiori di quelli dati a lui. Allo stesso modo il voto disgiunto ha premiato il candidato del Movimento 5 Stelle, che ha ottenuto il doppio dei voti della lista che lo appoggiava.

Il testa a testa è durato per circa undici ore e si è dovuto attendere la fine dello spoglio per avere il quadro esatto della situazione. Iorio vince ad Isernia, nei piccoli centri e grazie alla predominanza nel proporzionale (circa il 55%) delle sette liste che lo hanno sostenuto. Frattura si è affermato, invece, nei grandi centri (Campobasso, Venafro, Termoli, Montenero di Bisaccia), ma ha pagato la debolezza dei candidati di partito e soprattutto l'emorragia di voti verso Beppe Grillo, il cui candidato Antonio Federico ha ottenuto oltre il 5,6% dei consensi (10.650). Giovancarmine Mancini che capeggiava la lista de La Destra ha totalizzato l'1,29% delle preferenze (2.458).

Il movimento del comico genovese non dovrebbe entrare in consiglio regionale a causa della bassa percentuale di consensi nel proporzionale (circa il 2,5%). Questa la ripartizione provvisoria dei seggi: Pdl 5, Progetto Molise 2, Udc 2, Adc 2, Grande Sud 2, Molise Civile 1, Udeur 1 più due candidati del listino e Iorio. Il centrosinistra, oltre a Frattura, porta in consiglio regionale 3 consiglieri del Pd, 3 dell'Idv, 1 di Sel, 1 di Alternativa, 1 della Federazione della sinistra, 1 del Psi ed uno di Partecipazione democratica.

Clicca qui per conoscere tutti i dati sul voto in Molise

Leggi tutto