Bersani: "Le favole non bastano più, serve una svolta"

1' di lettura

In merito al declassamento dell'Italia da parte di Moody's, il segretario del Pd commenta a SkyTG24: "Non possiamo arrivare così al 2013. C'è il rischio di un ulteriore scivolamento: è una mazzata". Cicchitto (Pdl): "Il voto anticipato è una sciagura"

Guarda anche:
Anche Moody's declassa l'Italia
Tremonti: Spagna sta meglio? Forse per il voto anticipato
S&P declassa l'Italia. Berlusconi: "Colpa dei media"

(In fondo all'articolo tutti i video sulla crisi)

Un gesto di responsabilità e di generosità da parte della maggioranza nei confronti del Paese perché "non possiamo arrivare così al 2013". E' questo l'appello alla maggioranza formulato dal segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ai microfoni di SkyTG24 (guarda il video in alto) a margine di un Convegno al ministero degli Esteri.

Commentando il declassamento di Moody's nei confronti dell'Italia, Bersani ha detto che si tratta di un mazzata. "Tre gradini in meno nel giudizio sono tanti e corriamo il rischio di un ulteriore scivolamento". "Le favole non bastano più - ha sottolineato il leader del Pd - e serve una svolta. Noi siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità per un governo di transizione con figure nuove che rassicurino i mercati e a discutere di qualsiasi soluzione che possa portare il Paese fuori da questa situazione".

Di diverso avviso Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, che in un'intervista all'Avvenire dice che il voto anticipato sarebbe una sciagura. E sul declassamento, ai microfoni di SkyTG24 (guarda il video in fondo), spiega che il declassamento dell'agenzia di rating era atteso e che gli sforzi fatti dal governo italiano contro la crisi sono stati apprezzati dall'Unione Europea.



Guarda tutti i video sulla crisi

Leggi tutto