Garagnani (Pdl): "Meglio sostituire il 25 aprile"

1' di lettura

Il governo ha accolto "come raccomandazione" un ordine del giorno del parlamentare: si chiede di festeggiare, al posto della Liberazione, il 18 aprile 1948, giorno della vittoria dell'allora Democrazia Cristiana. L'Anpi: "Un'assurdità"

COMMENTA NEL FORUM

Sostituire la festa del 25 aprile con il 18 aprile. Il giorno della Liberazione con quello della vittoria, nel 1948, dell'allora Democrazia Cristiana guidata da alcide De Gasperi. La proposta avanzata con un ordine del giorno dal parlamentare bolognese del Pdl, Fabio Garagnani, è stata accolta "come raccomandazione" dal governo. "Le motivazioni con le quali i partigiani della sinistra combatterono il nazifascismo non erano certo ispirate al desiderio di instaurare la libertà - spiega il deputato Pdl - bensì a quello di creare un regime comunista che fu proprio evitato grazie alla vittoria del 18 aprile 1948".

La proposta ha subito suscitato polemiche. Il presidente dell'Anpi, Carlo Smuraglia, rispedisce al mittente quella che considera niente di più di "una assurdità". Tuttavia avverte che "se a qualcuno venisse in mente di prendere sul serio questa provocazione, deve sapere fin da ora che l'Anpi risponderà in maniera ferma, assieme a tanti italiani".

Di provocazione parla anche il Pd con il capogruppo nella commissione Cultura della Camera, Manuela Ghizzoni: un modo "per distrarre dal voto con cui la maggioranza si appresta a salvare il ministro Romano".

Leggi tutto