Reguzzoni a SkyTG24: "Sopra Napolitano esiste il popolo"

1' di lettura

Il capogruppo leghista alla Camera dice di non voler commentare le parole del presidente della Repubblica ("Agitare la bandiera della secessione significa porsi fuori della storia") e prova a spegnere le polemiche: Capo dello Stato equilibrato e saggio

Guarda anche:
Bossi chiede la secessione per la Padania
La replica di Napolitano alle parole di Bossi

"Sopra il capo dello Stato c'è il popolo, il suo diritto di potersi esprimere". Marco Reguzzoni, capogruppo della Lega alla Camera si è espresso così in diretta telefonica a SkyTG24. L'esponente leghista, è intervenuto anche alla trasmissione "La telefonata di Maurizio Belpietro": "Il popolo è sempre sovrano e quindi è l'unica figura che è sempre sopra il Capo dello Stato". Poi ha chiarito a SkyTG24 la sua posizione: "Non vorrei essere frainteso. La Lega ritiene Napolitano una figura apprezzabile e saggia. Ma si tratta di una questione di democrazia: il popolo deve potersi esprimere su qualsiasi argomento. Dopo l'espressione popolare non c'è alcun politico che possa dire qualsiasi cosa".

La polemica è nata dalle parole di Umberto Bossi a Venezia domenica scorsa. Il leader della Lega aveva invocato la secessione "per via democratica, forse anche attraverso un
referendum, perché un popolo importante e lavoratore come il nostro non può continuare a mantenere l'Italia". Immediata la reazione del capo dello Stato Giorgio Napolitano che
ha qualificato le esternazioni di Bossi come "fuori dalla Storia e dalla realtà". La replica leghista non si è fatta attendere. Reguzzoni ha dichiarato: "Noi per principio e per doveroso rispetto non commentiamo mai le parole del capo dello Stato. Ma Bossi a Venezia ha solo fatto riferimento alla necessità che si possa esprimere il popolo".

Immediata la condanna dell'opposizione. "Grave e inaccettabile l'attacco della Lega al capo dello Stato", ha detto in un comunicato il numero due del Pd, Enrico Letta. Che ha
aggiunto: "Il Quirinale sta tenendo unito il Paese che il governo di Berlusconi e Bossi sta invece portando alla retrocessione. E' proprio l'autorevolezza del presidente della Repubblica che consentirà al nostro paese di uscire dalla crisi".

Più diretta la replica di Leoluca Orlando, portavoce dell'Idv. "Reguzzoni dimostra di non aver letto la Costituzione e dimostra tutta la sua ignoranza", ha dichiarato in una nota. "L'articolo uno della Costituzione impropriamente richiamato dal capogruppo leghista - aggiunge l'esponente dipietrista - spiega che la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzioné. Reguzzoni studi di più".

Leggi tutto