Alfano: i comunisti non esistono, niente larghe intese

1' di lettura

Il segretario Pdl: "Berlusconi va difeso e non ha nessuna voglia di dimettersi. Stiamo assistendo ad un'aggressione senza precedenti, con un obiettivo: far cadere il premier e mandare a casa l'esecutivo". VIDEO

Guarda anche:
Berlusconi e i comunisti: la crociata infinita
Caso escort: tutte le intercettazioni
Berlusconi e le donne. L'ALBUM

Gli ultimi interventi: Pisapia, centrosinistra unito o non governerà mai - Bossi: referendum per la Padania libera - Di Pietro: noi gli unici credibili, Berlusconi si curi

Niente larghe intese, il governo durerà cinque anni, come dice la Costituzione. Ne è convinto il segretario Pdl Angelino Alfano, parlando nella terza e ultima giornata del meeting del Pdl a Cortina d'Ampezzo, mentre da Venezia, il suo alleato Bossi non esclude la possibilità di chiedere un referendum indipendentista al grido di "Padania libera"
"In questi anni ma soprattutto nelle ultime settimane stiamo assistendo ad un'aggressione al governo e al presidente del Consiglio senza precedenti. Sono cambiati gli argomenti ma l'obiettivo è sempre lo stesso: far cadere il premier e mandare a casa l'esecutivo e il Pdl", dice Alfano alludendo alla pubblicazione delle intercettazioni relative al caso escort.
Per questo il Popolo della libertà deve difendere Berlusconi, che comunque "non ha nessuna voglia di dimettersi".

"I comunisti non esistono" - "Siamo consapevoli che i comunisti non esistono", "però - ha proseguito Alfano - pure loro la smettessero di presentarci in prima fila tutti i comunisti della Prima Repubblica, che non se ne sono mai andati e sono rimasti là".
"Dobbiamo essere consapevoli - ha proseguito Alfano - che il proposito brutale è quello di mandare a casa il premier ma quello più insidioso è affermare che questi 18 anni sono una parentesi buia della storia repubblicana e che una volta chiusa magnifiche sorti attendono il Paese. Se mi autorizzate a dirlo - conclude - noi continueremo a difendere Berlusconi e la nostra storia e lo faremo con orgoglio".

L'intervento di Angelino Alfano

Leggi tutto