Vendola: "Facciamo le primarie entro il 2011"

1' di lettura

Il governatore pugliese: "Io sono pronto". Poi attacca il governo e e Tremonti: "Che credibilità può avere un governo che si è comportato come un Al Capone istituzionale?"

Guarda anche:
Tutti i cambiamenti della manovra
Salve le feste del 2 giugno, 1 maggio e 25 aprile

"Prima si fanno le primarie e meglio è. La cosa migliore sarebbe farle entro la fine di quest'anno".
A sostenerlo è Nichi Vendola, governatore della Puglia, in un'intervista su La Stampa, che si dice a "pronto" a candidarsi.
"Mi metto in gioco - dice Vendola - per riscattare la politica dalla sua condizione di degrado morale e dallo stallo nella quale l'hanno portata i maestri della realpolitik".

Vendola non risparmia strali a Matteo Renzi, sindaco di Firenze, anche lui pronto a correre per le primarie.
A tal proposito, il governatore pugliese dice: "Gli faccio notare che non è stata la Fiom a chiudere Termini Imerese".

Spazio poi alle misure anti-evasione contenute nel testo della manovra. Vendola si chiede che "credibilità può avere un governo che si è comportato come un Al Capone istituzionale".
La politica di Giulio Tremonti secondo Vendola è "macelleria sociale". E pure il pareggio di bilancio in Costituzione è "irricevibile: se la politica è l'ombra del mercato - conclude - diventa solo un mercatino".

Leggi tutto