Tfr in busta paga, l’ultima mossa del governo non convince

1' di lettura

È la "bella sorpresa" annunciata da Bossi qualche giorno fa: spalmare il trattamento di fine rapporto mese per mese con l’obiettivo di rilanciare i consumi. Per Cazzola (Pdl) è una sciocchezza, mentre Damiano (Pd) dice: "Contrario a ipotesi improvvisate"

IL TESTO DELLA MANOVRA

Guarda anche
:
La manovra da 45,5 miliardi: tutte le misure
Crisi, enti locali sul piede di guerra: "Manovra iniqua"
Berlusconi, le tasse e la crisi... d'identità. VIDEO
Martino a Berlusconi: "Fai le cose promesse! Oppure vattene"

(In fondo all'articolo tutti i video sulla crisi)

La “bella sorpresa” che Bossi va annunciando da giorni sembra non scaldare nessuno. “Tremonti ha trovato un modo per raddoppiare gli stipendi degli italiani”, aveva detto il Senatur. Il sistema, si è quindi scoperto, sarebbe quello di inserire il Tfr in busta paga.
Un’ipotesi sulla quale il governo starebbe pensando seriamente: spalmare il trattamento di fine rapporto mese per mese con l’obiettivo di stimolare e rilanciare i consumi. Un incremento che dovrebbe essere pari all'accantonamento mensile per la liquidazione: circa il 7% dello stipendio lordo.

A bocciare l’idea ci pensa però Giuliano Cazzola, esperto di previdenza del Pdl, che dice: “Quella del Tfr in busta paga mi sembra quasi una sciocchezza. Una risorsa troppo importante per bruciarla sul falò del consumo e delle tasse”.
Non è d’accordo nemmeno l’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano (Pd): “Sono contrario alle ipotesi improvvisate. La questione della retribuzione dei lavoratori è importante ma va risolta per via contrattuale”.

Leggi tutto