Rosella Sensi in Campidoglio? Parte 'web mob' per dire no

L'ex presidente della Roma Rosella Sensi
1' di lettura

Alcuni tifosi laziali hanno lanciato un gruppo Facebook e una petizione on-line per dire che l'ingresso nella giunta Alemanno dell'ex presidente della Roma, sarebbe uno "scempio". E sono pronti anche a scendere in piazza, "da cittadini"

Guarda anche:
"Poche donne": il Tar annulla la giunta Alemanno
Dalla Roma al Campidoglio: la Sensi nella giunta Alemanno
Rosella Sensi saluta la Roma: "Che farò ora? La mamma"


Era forse inevitabile, in una città in cui l’identità viene definita anche dal tifo calcistico, dall’essere romanisti o laziali. Ma la notizia della decisione del sindaco Gianni Alemanno di portare in Campidoglio come assessore l’ex presidente della Roma calcio Rosella Sensi, pare non essere andata molto a genio ad alcuni tifosi della Lazio, e non solo. Nel giorno stesso in cui il primo cittadino ha comunicato la sua scelta, è nato infatti un gruppo Facebook, abbinato a una petizione on-line per dire che la Sensi in giunta è “uno scempio”.

Alemanno ha deciso: l’ex proprietaria della Roma entrerà nella sua squadra di governo cittadino. E’ lei la ‘quota rosa’ scelta per rimediare al pasticcio dell’azzeramento della giunta da parte del Tar, che ha considerato troppo poco un assessore donna su 12 componenti. L’ufficializzazione ancora non c’è. Perché il sindaco sta avendo non poche difficoltà a superare i veti incrociati da parte del Pdl, per decidere quale uomo debba fare largo alla presenza femminile. Dunque, qualcuno spera ancora di fargli cambiare idea sulla Sensi. E ci prova con un "web mob". Ma è pronto anche a manifestare davanti al Campidoglio.

Hanno superato quota 500, gli iscritti al gruppo Facebook “No a Rosella Sensi al Comune di Roma!!”. Artefici dell’iniziativa, alcuni giovani laziali. E ad aderire sono soprattutto tifosi della Lazio. Ma non solo, assicurano. “Non connotiamo la battaglia come una questione legata al tifo: stavolta stiamo parlando da cittadini…”, scrivono.

Perché tanta avversione verso Rosella Sensi, dunque? Gli stessi autori del gruppo Facebook lo spiegano nel testo di una petizione on-line che ha raccolto finora oltre 300 firme. Stiamo parlando, sostengono, di “una donna che ha portato al collasso un’azienda, una squadra di calcio, che non ha pagato i suoi debiti grazie all’aiuto bipartisan della politica”. Dunque, via al “web mob per fermare lo scempio. E se saremo tanti, tutti al Campidoglio!!”, promettono. Pronti anche a scendere in piazza per dire "no".

Intanto, però, cercano di far arrivare dal Web la loro protesta alle orecchie di Alemanno: “Mio caro sindaco, te vojo bene - scrive qualcuno - ma con la Sensi hai toccato il fondo…”.

Leggi tutto