Zaia: "Non siamo disposti a prendere i rifiuti di Napoli"

1' di lettura

"Piuttosto insegniamo loro come gestirli. Così il presidente della Regione Veneto commenta gli ultimi sviluppi dell'emergenza immondizia. E sul monito di Napolitano spiega: "Nel momento in cui si controfirma un decreto il discorso si chiude". IL VIDEO

Guarda anche:
Dal governo ok al decreto. Ma la Lega vota contro
Rifiuti, se Napoli piange Roma non ride
Emergenza rifiuti. L'album fotografico

(In fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza rifiuti)

"Non siamo disposti a prendere i rifiuti di Napoli". Così Luca Zaia, presidente della Regione Veneto commenta ai microfoni di SkyTG24 gli ultimi sviluppi dell'emergenza rifiuti. "Siamo solo pronti a mettere a disposizione i nostri tecnici che conoscono bene il tema della raccolta differenziata. Dopo 17 anni di crisi dei rifiuti - spiega l'ex ministro - significa che lì qualcosa non funziona. Quindi non ha senso portarsi a casa i loro rifiuti, piuttosto insegniamo loro come si fa".

Le parole del governatore del Veneto arrivano pochi giorni dopo il monito di Napolitano e la secca replica di Bossi ("Lo capisco, è originario di Napoli"). "A mio avviso - conclude Zaia - è una questione meramente giuridica: nel momento in cui si controfirma un decreto il discorso si chiude lì. Se poi ci sono delle considerazioni da fare tutti le possono fare, a maggior ragione il Capo dello Stato. Ma finiscono lì".

Tutti i video sull'emergenza rifiuti

Leggi tutto