Tensioni nella Lega, Bossi: Maroni scontento? Peggio per lui

1' di lettura

La battuta al vetriolo indirizzata dal leader del Carroccio al ministro dell'Interno conferma che tra i due la tensione resta alta. Anche se Maroni dice: "Non ci sono lotte intestine, la Lega è un grande partito dove ci sono opinioni diverse"

Guarda anche:
La Camera dice no ai Ministeri al Nord
Ministeri, il valzer della Lega
Tutto su Pontida
Il leghista alla deputata Pd: se ci caliamo le braghe...

Il 'caso Reguzzoni' non si è chiuso con la sua riconferma a capogruppo della Camera: la tregua siglata a denti stretti tra le 'correnti' leghiste grazie alla 'regia' di Umberto Bossi appare già in bilico.
Le battute al vetriolo indirizzate dal leader del Carroccio al ministro dell'Interno confermano che tra i due la tensione resta alta e che è ancora in corso una prova di forza interna alla Lega dagli sbocchi imprevedibili.

Maroni sarebbe scontento per l'esito della elezioni alla presidenza del gruppo?  "Peggio per lui", ha risposto Bossi con una reazione che ha avuto l'effetto di uno schiaffo. Ma non basta. Alla domanda se la situazione nella Lega sia sotto controllo, il senatur ha ribattuto tenendo sempre nel mirino proprio il titolare del Viminale: "E' sotto controllo la base, è la base che tiene sotto controllo la Lega non Maroni".

Leggi tutto