Pisapia accusa: "Moratti ha lasciato un buco di 186 milioni"

Giulianp Pisapia durante il consiglio comunale di Milano
1' di lettura

Il sindaco di Milano e l'assessore al bilancio Bruno Tabacci lanciano l'allarme: "Non esiste l'attivo vantato dalla precedenza amministrazione". L'ex primo cittadino: "E' falso, denigra per aumentare le tasse"

Guarda anche:
Sei uomini e sei donne: ecco la giunta di Pisapia. LE FOTO
Tutta colpa di Pisapia, il tormentone diventa un libro
Milanesi in piazza per il debutto di Pisapia. Anche il risotto diventa arancione

AMMINISTRATIVE 2011: LO SPECIALE LE FOTO

PIGIA PIGIA:
Milano, Napoli e le "dimensioni" dei Comuni al voto nel nuovo format di Beautiful Lab

(guarda in fondo tutti i video sulle amministrative 2011 a Milano)

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il suo assessore al Bilancio Bruno Tabacci hanno lanciato un allarme sui conti del Comune, denunciando un potenziale disavanzo per il 2011 di 186 milioni di euro (GUARDA IL PDF) in spesa corrente e accusando l'ex sindaco Letizia Moratti di aver mentito quando l'ultimo giorno del suo mandato annunciò un attivo di 48 milioni. "Siamo davanti a un disavanzo potenziale - ha detto Pisapia - di 186 milioni di euro, la nostra è un'analisi che si basa su documenti che erano già in possesso all'amministrazione comunale, quindi noti anche alla passata amministrazione, quanto detto dall'ex sindaco Letizia Moratti non corrisponde dunque al vero". L'ex primo cittadino, però, smentisce. "Quanto affermato dal sindaco Giuliano Pisapia e dall'assessore al Bilancio Bruno Tabacci è chiaramente denigratorio, mistificatorio e falso. Temo che si voglia semplicemente mettere le mani avanti per giustificare un aumento dell'imposizione fiscale".

L'analisi dei conti è stato l'argomento principale della prima riunione operativa della Giunta Pisapia, e l'assessore Bruno Tabacci ha sottolineato la necessità di mettere in campo una manovra complessiva per riuscire a riequilibrare un bilancio che - ha denunciato - al momento copre le spese correnti con entrate straordinarie. "Servono scelte di indirizzo - ha detto Tabacci - nel brevissimo periodo, altrimenti non c'è copertura per le spese non obbligatorie". "Lo sapevano perfettamente - ha spiegato Tabacci - perché c'è una lettera del 4 aprile dell'assessore al bilancio al collegio dei revisori in cui si mettevano le mani avanti parlando della necessità di misure correttive". "Sono stato accusato di aver formulato una riserva sul bilancio, ma era doveroso - ha detto il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia - perché si è confermato quanto detto sin dal primo giorno: i 48 milioni di avanzo della Moratti non corrispondono a realtà".

Malgrado l'allarme  Pisapia ha escluso che Palazzo Marino chiederà una legge ad hoc per il capoluogo lombardo al governo. "Milano ce la farà da sola - ha assicurato Pisapia - se ci sarà una buona amministrazione". Anche il suo assessore al Bilancio, Bruno Tabacci, ha escluso che Milano chiederà all'esecutivo un sussidio speciale come già avvenuto in passato per le amministrazioni di Roma o di Catania, impegnandosi fin da ora a chiamare a raccolta tutti i protagonisti del mondo economico, bancario e finanziario che operano in città.

"Catania è Catania - ha tagliato corto Tabacci - Milano ha un retroterra importante e non abbiamo bisogno di interventi speciali sul nostro bilancio. Dobbiamo avviare un dibattito su questo argomento su tutta la città, che è la capitale economica, delle grandi banche, delle fondazioni bancarie. Penso che Milano abbia le risorse per tornare ad essere un punto di riferimento non solo morale ma economico per tutto il Paese. La ripresa dell'Italia passa inevitabilmente da Milano".

Anche se Tabacci ha escluso la richiesta di un sussidio al governo per il riequilibrio dei conti, non ha tuttavia escluso la necessita' di individuare provvedimenti ad hoc per onorare gli impegni economico finanziari legati alla organizzazione dell'Esposizione universale del 2015. "Diverso è il caso dell'Expo - ha precisato l'assessore al Bilancio - in cui ci sono impegni importanti da onorare. Noi non ci tiriamo indietro, ma questo è un progetto che riguarda il Paese intero. Expo si regge sull'impegno di diversi protagonisti tra cui anche il governo e su questo punto Tremonti e' apparso spesso ondeggiante, soprattutto quando ebbe a dire che con Pisapia l'Expo se ne andava via".

Leggi tutto