Precari, Napolitano: "Rispondere alle esigenze dei giovani"

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
1' di lettura

in un messaggio alla Associazione 'Generazioninsieme', presentata al Cnel, il Capo dello Stato ricorda i tanti "che vivono una condizione di instabilità e incertezza nel loro futuro". E ne sottolinea le "risorse di creatività e d'innovazione"

Guarda anche:
Quattro milioni di italiani nella trappola della precarietà
Brunetta vs Precari: le due versioni a confronto
Su Twitter tutti i lavori precari di Brunetta: la fotogallery


Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano torna a chiedere risposte per la situazione di instabilità e precarietà che vivono i giovani italiani. "In una corretta visione di uno sviluppo sostenibile e nel rispetto del principio fondamentale di solidarietà, i rapporti di responsabilità e fiducia fra le generazioni costituiscono le basi essenziali per assicurare una effettiva integrazione tra patrimoni di esperienze, valori e ideali, e per corrispondere alle esigenze e alle aspettative di tanti giovani che vivono una condizione di instabilità e incertezza nel loro futuro" afferma il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della presentazione a Roma, presso la sede del Cnel, dell'Associazione 'Generazioninsieme', nel messaggio augurale inviato al presidente, Giovanna Leone, al presidente onorario, Giuliano Amato, al presidente del Cnel, Antonio Marzano, e a tutti i relatori e ai partecipanti.

"Gli autorevoli contributi in programma, con il rilevante apporto di giovani ricercatori - sottolinea Napolitano - testimoniano la ricchezza ed importanza degli obiettivi che si propone il vostro sodalizio". "Come ho avuto modo di sottolineare in più occasioni, un deciso e accresciuto impegno per la salvaguardia e la valorizzazione del capitale umano del nostro Paese e delle sue risorse di creatività e d'innovazione - ricorda ancora il Capo dello Stato - è condizione indispensabile per assicurare una equilibrata crescita economica e la stessa tenuta del tessuto civile e sociale".

Leggi tutto