Bossi a Berlusconi: "La tua leadership potrebbe finire"

Militanti della Lega chiedono che Maroni diventi presidente del consiglio
1' di lettura

Da Pontida l'avvertimento del leader della Lega, che però chiarisce: non farò cadere il governo, "altrimenti favoriamo la sinistra". Critiche anche a Tremonti: “Non toccare i Comuni”. Il premier: “La nostra alleanza senza alternative”. VIDEO

I VIDEO: Tutto il comizio di Umberto Bossi a Pontida - "Berlusconi si è cagato sotto" - "Stop a al premier": ovazione dei leghistiE torna lo slogan secessione - Salvini: "Pisapia è una malattia"

LE REAZIONI - Silvio Berlusconi - Alemanno, Cicchitto, Bocchino e Bindi

LE FOTO
: Tutte le immagini dal prato di Pontida - "Maroni premier" e "Berlusconi vattene": gli slogan della Lega - Bossi e dintorni: sfoglia l'album fotografico del Carroccio

FORUM: Cosa ne pensi del discorso di Bossi?

"Berlusconi non dia nulla per scontato, dalla Lega può arrivare uno stop" e "Tremonti, se vuole i nostri voti per i suoi provvedimenti, trovi un modo per ridurre la pressione fiscale che mette in ginocchio il Nord".
E' questa la "svolta" che Umberto Bossi annuncia dal palco di Pontida. Due avvertimenti per il prosieguo della legislatura, uniti da promesse e impegni nei confronti della base ma resi meno indigesti dall'assicurazione che la Lega non ha alcuna intenzione di staccare la spina al governo. Tanto che il premier, a poche ore di distanza dal raduno, si dice certo e fiducioso che la legislatura andrà avanti fino al 2013.
Dal tradizionale raduno del Carroccio la leadership di Berlusconi esce "in discussione" anche se solo "per le prossime elezioni"; mentre Tremonti per la prima volta riceve qualche critica del Senatur, ovvero da colui che l'ha sempre difeso quando il responsabile dell'Economia è stato messo in discussione dai colleghi di governo.




Il grido "Secessione, secessione" - A Pontida si svolge tutto secondo copione. Si dà il via alla raccolta di firme per "territorializzare" i ministeri e si prendono le distanze da Berlusconi, divenuto un alleato scomodo. Ma non per questo si rompe con lui. Anzi, onde evitare fraintendimenti è proprio Bossi a spiegare che "non è il momento di andare al voto perché vincerebbe la sinistra".
E' l'unico momento in cui il 'pratone' mugugna un po'. E' dalla folla radunata a Pontida, infatti, che arriva il vero "colpo ad effetto": i militanti sono decine di migliaia ("siamo 80mila", afferma Roberto Calderoli).
Era dagli anni '90 che non si vedeva una partecipazione così numerosa. E dal prato per ben otto volte parte il coro "secessione, secessione" che rimanda con la memoria alle origini del movimento e che copre le parole del senatur.
Il 'capo', spinto dalla folla, si lascia scappare: "Se la volete, preparatevi". Ma non è questo il discorso che il leader del Carroccio ha pensato per Pontida. In primis Bossi, rivolgendosi "ai giornalisti che scrivono falsità " dice che "la Lega non è rotta, ma unita".



Stop alle missioni all'estero - Poi passa ai due argomenti cardine: "Bisogna fare qualcosa per abbassare le tasse - urla dal palco - I soldi si possono trovare finendo le missioni di guerra che costano tantissimo. Solo la missione della Libia tra bombe e clandestini ci è costata un miliardo di euro". Il senatur riceve l'applauso della folla. Ma il 'pratone' esplode quando il 'capo' mette "in discussione la leadership di Berlusconi alle prossime elezioni se non saranno effettuate una serie di cose". I militanti sono in delirio ma Bossi raffredda gli animi spiegando che "non ci prendiamo la responsabilità di mandare in malora il Paese".
"Berlusconi però non dia nulla per scontato - aggiunge - Può darsi che la Lega dica stop".

Critiche a Tremonti - Secondo fonti di maggioranza, Bossi e Berlusconi avevano parlato di questo passaggio del discorso in aereo da Milano a Roma. I rapporti tra i due leader sono saldi anche perché fino al 2013 "il vento può ancora cambiare" e tornare a soffiare in favore dell'attuale maggioranza.
Dal palco, invece, Bossi appare molto duro nei confronti di Tremonti: "Giulio lascia stare i Comuni - afferma - Bisogna riscrivere il patto di stabilità. Se vuoi ancora i voti della Lega in Parlamento per i tuoi provvedimenti ricorda che non puoi toccare i Comuni, gli artigiani, le piccole e medie imprese". Non a caso prima dell'intervento del ministro, sul palco salgono i 52 'borgomastri', ovvero i neosindaci della Lega alle ultime amministrative, che giurano di "difendere la Padania".
Non è un mistero che tra gli amministratori del Carroccio serpeggi malumore per i tagli alle risorse locali. E sempre al ministro dell'Economia si rivolge Bossi quando sottolinea che "già martedì presenteremo un decreto per mettere dei paletti alle azioni esagerate di Equitalia", definendo l'operato della società controllata dal ministero "una cosa vergognosa che neppure la sinistra aveva fatto".

Gli interventi di Maroni e Calderoli - Infine, prendono la parola i ministri Roberto Maroni e Roberto Calderoli. Il primo chiede uno "stop alla guerra in Libia per fermare l'arrivo di clandestini"; il secondo annuncia l'avvio della raccolta di firme per lo spostamento dei ministeri sul territorio con Bossi che commenta: "Berlusconi aveva firmato poi si è cagato sotto".





La tabella di marcia della Lega - Calderoli indica poi le condizioni della Lega per il prosieguo della legislatura: dodici punti da realizzare nei prossimi 180 giorni. Si va dalla riforma del fisco alla riduzione delle missioni militari all'estero, dal dimezzamento del numero di parlamentari, alla revisione del patto di stabilità alla soluzione definitiva del problema delle quote latte.

Leggi tutto