Narducci assessore a Napoli? L’Anm: "Inopportuno"

1' di lettura

Il presidente dell’associazione dei magistrati, Luca Palamara, contrario all’ingresso del pm di Calciopoli nella giunta del nuovo sindaco De Magistris: "Viola il codice deontologico, auspichiamo l’intervento del legislatore per disciplinare la materia"

AMMINISTRATIVE 2011: LO SPECIALE - TUTTE LE FOTO - L'ESITO DEL VOTO

Pigia Pigia: Milano, Napoli e le "dimensioni" dei Comuni al voto nel nuovo format di Beautiful Lab

Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara, giudica "inopportuna" la probabile nomina del pubblico ministero Giuseppe Narducci ad assessore della giunta del neo eletto sindaco di Napoli Luigi De Magistris.
"Inopportuna - ha detto il presidente dell'Anm - e comunque in violazione dell'articolo 8 del nostro codice deontologico recentemente rinnovato". Proprio mercoledì 8 giugno il Consiglio Superiore della Magistratura, nel corso del plenum, aveva dato il via libera alla richiesta di un periodo di aspettativa di Narducci, pm tra l’altro dell’inchiesta su Calciopoli. "Auspichiamo - ha aggiunto Palamara - l'intervento del legislatore per disciplinare compiutamente la materia, ma comunque la nostra indicazione è molto chiara: occorre impedire il reingresso in magistratura di chi ha accettato incarichi politico-amministrativi".

Di diverso avviso invece il procuratore capo di Napoli Giovandomenico Lepore: “Sarà per noi un punto di riferimento. La sua esperienza sarà di sicuro utile all'amministrazione pubblica. Ci può dare una mano e può dare una mano a questa città. E' una cosa buona e gli faccio gli auguri".
"Diverso invece è il caso di un magistrato che diventa parlamentare e quindi passa alla politica - aggiunge - così si può creare sempre il sospetto che abbia usato il suo ruolo per fare carriera politica". Quanto a Narducci, "di sicuro avrà molto da fare e lavorerà molto di più da assessore che da magistrato".

Leggi tutto