Due giugno: parata dedicata all'Unità d'Italia

1' di lettura

Si sono tenuti a Roma i festeggiamenti per il 65esimo anniversario della Repubblica. Ad aprire le celebrazioni, l'omaggio del presidente Napolitano al milite ignoto. Sfilata ai Fori Imperiali sui 150 anni del nostro Paese. FOTO E VIDEO

Guarda anche:
Unità d'Italia: l'album fotografico
Unità d'Italia: vai allo speciale
La festa della Repubblica: guarda le foto

Con l'omaggio del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, alla tomba del Milite Ignoto al Vittoriano, in un centro storico di Roma blindato, sono cominciate le celebrazioni per il 65esimo anniversario della Repubblica che hanno il loro momento centrale nella parata militare, il cui tema è inevitabilmente quest'anno "Il 150/o anniversario dell'Unità d'Italia", in corso ai Fori Imperiali.

Il messaggio di Napolitano alle forze armate - In occasione del 2 giugno, il presidente della Repubblica, Napolitano ha inviato, un messaggio al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate. "Le Forze Armate - si legge nel messaggio - sostengono una parte considerevole del gravoso impegno" dell'Italia sul piano internazionale e "hanno contribuito sostanzialmente ai risultati straordinari conseguiti in questi ultimi decenni, grazie alla loro professionalità, alla loro abnegazione, al modo costruttivo in cui esse interpretano i compiti che sono chiamate quotidianamente ad assolvere in tante regioni del mondo". Napolitano sottolinea in particolare i "compiti difficili e densi di rischi, come gli eventi di questi giorni in Libano ed in Afghanistan purtroppo ancora una volta dimostrano" svolti dalle forze armate.

L'omaggio del capo dello Stato al milite ignoto
- Napolitano è giunto all'Altare della Patria accompagnato dal ministro della Difesa, Ignazio La Russa, e dal capo di Stato maggiore della Difesa, Biagio Abrate. Ha quindi passato in rassegna un battaglione interforze schierato in Piazza Venezia, dove diverse centinaia di persone lo hanno a più riprese applaudito. Sulle scale del Vittoriano, a ricevere il capo dello Stato, tra gli altri, il presidente del Senato, Renato Schifani, quello della Camera, Gianfranco Fini, e il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi: il premier è stato accolto prima dai fischi, e poi dagli applausi, al suo arrivo a Piazza Venezia. La banda dell'Esercito ha quindi intonato l'Inno nazionale. Dopo l'alzabandiera solenne e la deposizione di una corona d'alloro sul sacello del Milite Ignoto, Napolitano lascerà Piazza Venezia per passare in rassegna le truppe.

La parata ai Fori Imperiali - Alle 11 è cominciata via la parata per la festa della Repubblica. Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha raggiunto via del Fori Imperiali a bordo della Flaminia presidenziale scoperta, scortato dai corazzieri a cavallo, ed ha preso posto sul palco presidenziale, dove quest'anno sono presenti, oltre alle massime autorità dello Stato, anche vip provenienti da tutto il mondo: oltre 40 capi di Stato e più di 80 delegazioni straniere. A differenza degli anni scorsi, in tribuna autorità ai Fori Imperiali per assistere alla parata militare in occasione della Festa del 2 giugno c'è anche il ministro dell'Interno, Roberto Maroni. Anche le tribune per il pubblico sono affollatissime.

Tema della parata è "Il 150/o anniversario dell'Unità d'Italia" e non a caso la sfilata è aperta da cinque bandiere italiane che rappresentano l'evoluzione del vessillo attraverso un cammino di 214 anni e dal Tricolore di Oliosi. Dopo i gonfaloni delle città di Torino, Firenze e Roma, le tre capitali d'Italia, la banda dell'Arma dei Carabinieri ha aperto la "rivista militare". In 80 minuti sfilano lungo via dei Fori Imperiali in 5.700 (5.239 militari e 460 civili), oltre a 161 bandiere e medaglieri, 216 tra cani e cavalli, 196 mezzi e 9 velivoli, le Frecce tricolori. Tre i settori in cui si articola la parata. Il primo, di carattere storico-rievocativo, racconta le origini dello Stato unitario, le Guerre d'Indipendenza, la Grande Guerra, la II Guerra Mondiale e la Liberazione, soprattutto attraverso le uniformi d'epoca di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e di tutti gli altri Corpi dello Stato. Il secondo settore è invece dedicato alle missioni internazionali alle quali le Forze armate italiane partecipano in diverse aree del mondo. Il terzo settore è intitolato alle "eccellenze e specificità italiane": vi fanno parte tutti i reparti d'elite delle Forze armate - dagli incursori del Col Moschin ai Comsubin, dai Gis ai Nocs - e i mezzi d'avanguardia dell' industria nazionale. La manifestazione si conclude con la sfilata dei reparti a cavallo ed il passaggio delle Frecce Tricolori. Dopo la parata, alle 12.45, all'Altare della Patria, è previsto un concerto della fanfara dei Bersaglieri e, poi, della Banda militare interforze.


Tutti i video sulle celebrazioni dell'Unità d'Italia

Leggi tutto