Ai ballottaggi il centrosinistra guadagna 130mila voti

1' di lettura

Sia Pisapia che Moratti conquistano i voti a Milano tra il primo e secondo turno, ma il candidato di Sel ne conquista il doppio. Lettieri, a Napoli, perde invece 39mila consensi. I dati dell'Istituto Cattaneo

(in fondo all'articolo tutti i video sulle amministrative)

AMMINISTRATIVE 2011: LO SPECIALE - TUTTE LE FOTO - LA RASSEGNA STAMPA - L'ESITO DEL VOTO

Pigia Pigia: Milano, Napoli e le "dimensioni" dei Comuni al voto nel nuovo format di Beautiful Lab

Approfondimenti: Moratti 2.0, spende 4 milioni di euro ma perde anche sul web - Comunali, al centrosinistra le sfide più importanti - Provinciali, finisce 4 a 2 per il centrosinistra - Pisapia e la festa della liberazione arancione La Lega e la sberla dei ballottaggi - La sinistra vince ad Arcore - Crotone, sconfitta Dorina Bianchi - Il centrodestra perde Gallarate - La rabbia degli elettori Pdl sul web - Festa in piazza Duomo per Pisapia - A Cagliari vince Zedda -   Baruffi: "Pronti per la festa" - Centri sociali contro l'ex vicesindaco di Milano

Le reazioni
: Berlusconi - Cosolini - Prodi - Lettieri - Vendola - Fini - De Magistris - Pisapia - Moratti - Zedda - Tabacci - Salvini - Bersani

Le feste in foto: Piazza Duomo a Milano - De Magistris scatenato a Napoli - Cagliari, per Zedda

Visto da internet: Fiorello imita Berlusconi - Effetto Pisapia, Milano come Stalingrado - Da Facebook a Youtube è "Miracolo a Milano" - Gli sberleffi su Facebook- Milano, Napoli: entusiasmo su Twitter Gli Sgommati: L’effetto ballottaggi su Berlusconi L’ironico punto di vista della Rete

Più 130mila voti: è questo il saldo (positivo) che il centrosinistra ottiene tra il primo e il secondo turno delle elezioni amministrative, nei comuni nei quali si è votato.
A rilevarlo l'Istituto Cattaneo, che ha condotto una ricerca sui flussi di voto dei ballottaggi comparandole con il voto del 13 e 14 giugno (guarda tutti i dati).
Emergono diverse conferme (tra queste l'affluenza in netto calo, Milano esclusa) ma anche qualche novità. Partiamo dal dato generale. Tra primo e secondo turno, nei comuni in cui si è votato, il centrosinistra guadagna appunto quasi 130mila voti (il calcolo è fatto in termini assoluti), mentre il centrodestra ne perde più di 21mila.

Un bottino che si poggia sugli exploit di Pisapia e De Magistris, rispettivamente a Milano e a Napoli. Il neosindaco milanese, in quindici giorni ha preso poco meno di cinquantamila voti in più; il primo cittadino partenopeo, ne ha raccolti invece 47mila.
Diametralmente opposta, la perfomance dei candidati di centrodestra nelle città: se Letizia Moratti ha aumentato il numero di voti, conquistando 24mila preferenze in più, Lettieri tra primo e secondo turno ne ha persi più di 39mila.

I candidati di centrosinistra hanno inoltre preso più voti (rispetto al primo turno) in 10 dei 13 capoluoghi: le eccezioni sono Cosenza, Iglesias e Grosseto. I candidati di centrodestra, al contrario, sono cresciuti soltanto in 5 comuni (quattro se si esclude Pordenone, dove il progresso è stato di appena lo 0,6%): Milano, Rimini, Trieste, Grosseto.

Leggi tutto