Il centrosinistra strappa Gallarate, vince Edoardo Guenzani

1' di lettura

Il candidato di Pd, Idv e Sel è il nuovo sindaco della città varesina, storica roccaforte del centrodestra. Le tensioni tra Pdl e Lega avevano spinto il Carroccio a correre da solo al primo turno e a non schierarsi per il ballottaggio

Amministrative 2011: LO SPECIALE

Approfondimenti: Comunali, al centrosinistra le sfide più importantiLa sinistra vince ad Arcore - Crotone, sconfitta Dorina Bianchi - Il centrodestra perde Gallarate - La rabbia degli elettori Pdl sul web - Festa in piazza Duomo per Pisapia - A Cagliari vince Zedda - La Padania: "Il grande sconfitto è il premier"Baruffi: "Pronti per la festa" - Affluenza in calo

Le reazioni: Berlusconi - Cosolini - LettieriVendola - Fini - De Magistris - Pisapia - Moratti - Tabacci - Salvini - Bersani

FOTO: Festa in piazza Duomo a Milano - Milano, Napoli: entusiasmo su Twitter - Il trionfo di De Magistris -Libero: "E ora godetevi il comunismo" - Intention Poll - I candidati al seggio

(in fondo all'articolo tutti i video sulle amministrative)

Gallarate passa al centrosinistra. Edoardo Guenzani è il nuovo sindaco. Il candidato di Pd, Idv e Sel ha ottenuto al ballottaggio il 54,89 per cento delle preferenze. Massimo Bossi (Pdl, Udc e liste civiche), vicesindaco uscente che aveva concluso il primo turno con un lieve vantaggio, si è fermato al 45,10 per cento.

Il centrosinistra conquista così la terza città della provincia di Varese. Gallarate, storica roccaforte del centrodestra, è stata scenario di una violenta divisione fra Pdl e Lega, con quest'ultima che si è presentata da sola alle elezioni, in aperta polemica con gli alleati. La candidata del Carroccio, la consigliera di amministrazione della Rai, Giovanna Bianchi Clerici, era rimasta esclusa per un soffio dal ballottaggio conquistando il 30,58 per cento dei consensi. La Lega non ha poi dato indicazioni di voto, a differenza di altre liste civiche alleate del Carroccio al primo turno che si sono schierate apertamente a favore di Guenzani. Il dato sull'affluenza, pari al 59,1 per cento, fa pensare che i sostenitori della Lega abbiano disertato le urne.

Leggi tutto