Moratti, numeri gonfiati per la pagina Facebook?

La pagina Facebook ufficiale di Letizia Moratti.
1' di lettura

Un video dimostrerebbe come si diventa "amici" della Moratti senza mai cliccare sul pulsante "Like". Si tratta di una tecnica malevola di acquisizione dei fan. Ma lo staff della Moratti nega ogni coinvolgimento

SPECIALE AMMINISTRATIVE 2011
Milano, sfida a distanza tra Moratti e Pisapia
Moratti-Pisapia faccia a faccia mancato: le foto
E la politica ricorre alla musica in vista dei ballottaggi

di Nicola Bruno


Dopo il caso #Sucate, ora anche i falsi amici su Facebook? E’ quanto si chiedono blogger e appassionati di rete, dopo la scoperta che cliccando su una serie di pagine web che non hanno nulla a che vedere con Letizia Moratti si diventerebbe automaticamente suoi “amici” su Facebook.

AMICI SENZA SAPERLO - Ad alimentare i sospetti è stato il numero di Like sulla pagina ufficiale di Letizia Moratti, che sarebbero aumentati in maniera esponenziale negli ultimi giorni: il 16 maggio erano poco più di 5 mila, mentre ora sono oltre 36 mila. Come si è arrivati a questi numeri? Lo staff del sindaco uscente nell’ultima settimana ha messo in campo diverse campagne di marketing mirato per migliorare la propria presenza su Facebook.
A far crescere in maniera accelerata il numero di Like - questa l’accusa che arriva da alcuni utenti - potrebbe essere stato anche qualche escamotage meno trasparente. Come spiega in questo post Claudio Messora di byoblu.com, basta andare su alcune pagine web come FattiFantastici.info (da ieri sera non più accessibile), aprire la pagina di un video di calcio “Peggio attaccante vs. Peggio portiere del mondo”, cliccare in uno spazio bianco dello schermo e improvvisamente vedere partire un “Like” per la pagina Facebook di Letizia Moratti. Il tutto senza che l’utente si accorga di nulla.

Video: la prova



Messora ha raccolto diversi casi di “like involontari” a partire dal sito Fatti-Fantastici.info e diretti alle pagine Facebook più disparate, tra cui anche quelle di importanti aziende. In gergo questa tecnica viene definita “like-jacking” ed è spesso utilizzata da agenzie che fanno business con la compravendita di “amici”. (leggi anche: Il caso dei falsi gruppi su Facebook)


Dopo che in rete è partito un fitto tam-tam, lo staff di Letizia Moratti ha subito rilasciato una nota in cui si dissocia dalle “scorrettezze web”: “Relativamente alle segnalazioni apparse su numerosi siti web in merito a presunte acquisizioni di Fan in modalità poco chiara il Comitato Elettorale Letizia Moratti per Milano si dissocia e nega ogni coinvolgimento. Le operazioni di pubblicità online sono sempre state condotte secondo le norme e le modalità prescritte da Facebook affidando l'incarico ad una primaria società di settore. La correttezza del comportamento di chi ha realizzato la campagna è dimostrabile in ogni momento sulla base della documentazione e della rendicontazione del lavoro svolto”. Ma allora che cosa è successo?

COSA C’E’ DIETRO - Da alcune verifiche fatte online, risulterebbe un collegamento tra Fatti-Fantastici.info e la vendita di “amici” su Facebook. Attraverso una semplice operazione di “reverse whois” (e cioè mettendo a confronto i domini ospitati su uno stesso indirizzo IP) si può scoprire che Fatti-Fantastici.Info è ospitato sullo stesso server di FbAdvertising.net, agenzia italiana che vende pacchetti di amici su Facebook (ad esempio, 50 mila per la cifra di 7500 euro).
Alessandro Gargiulo, 21 anni, proprietario dell’indirizzo IP in questione, ha però spiegato a Sky.it che i siti da cui è partito il like-jacking per la Moratti non sono di sua proprietà, ma “di alcuni ragazzi romani a cui avevo offerto l’hosting sul mio server”. Gargiulo ha aggiunto di aver rimosso questi domini subito dopo aver scoperto l’operazione dei falsi amici verso la pagina di Letizia Moratti. I “ragazzi romani” in questione sarebbero – secondo Gargiulo – “specializzati in tecniche di acquisizione dei fan anche con tecniche non molto etiche”.
FbAdvertising, da parte sua, afferma di non fare “uso di strategie truffaldine come pagine false, account fake o like baiting (pagine che promettono chissà quale rivelazione in cambio dell'iscrizione)”. Tuttavia, lo script presente su Fatti-Fantastici.info che permette di diventare amico della Moratti, sarebbe secondo alcuni riconducibile al programmatore Flavio Li Volsi, che a sua volta si definisce Ceo di FbAdvertising.net. Alessandro Gargiulo ha confermato di essere partner di Flavio Li Volsi, ma esclude un suo coinvolgimento nella gestione del sito Fatti-Fantastici.info.

LA DIFESA – Intanto in rete alcuni utenti hanno chiesto a Letizia Moratti di poter visionare la documentazione o quanto meno di spiegare se c’è un collegamento diretto tra le varie agenzie che gestiscono la sua campagna online e i siti che generano amici per la sua pagina Facebook. Altri chiedono che venga fatto il nome dell’agenzia.
Sky.it ha contattato via email lo staff di Letizia Moratti, ma al momento della pubblicazione di questa notizia non ha ricevuto nessuna risposta. Intanto, i suoi consulenti e fornitori di servizi Web negano ogni addebito.
Contattato da Sky.it, Matteo Flora dell’agenzia The Fool, che gestisce la piattaforma tecnologica per la moderazione della pagina Facebook di Letizia Moratti, nega ogni coinvolgimento: “Non seguiamo e non abbiamo mai seguito la parte di advertising per Letizia Moratti. Mi sento di poter affermare abbastanza tranquillamente che non sia opera della società incaricata che è seria e competente e si è dichiarata disposta a mostrare precise statistiche”. Flora preferisce non fare il nome della società per “motivi di riservatezza”.
Anche Marco Camisani Calzolari dell’agenzia Speakage prende le distanze: “Non mi sono mai occupato dei social della Moratti. Speakage produce solo la piattaforma letiziamoratti.it e non i contenuti. Ovviamente so chi ha preso in carico la gestione del suo Facebook, ma per evidenti ragioni di riservatezza non posso rivelarlo”.

Leggi tutto