Ballottaggi, scoppia la guerra delle dichiarazioni

Il video appello di Silvio Berlusconi
1' di lettura

Berlusconi in un video messaggio: "Pisapia dannoso per Milano" (VIDEO), il candidato di centrosinistra: "E' lui che è stato dannoso per l'Italia". Il Terzo Polo: "Speriamo che il premier si schianti". E intanto il Giornale attacca il cardinale Tettamanzi

AMMINISTRATIVE 2011

Pigia-Pigia: Milano, così si è sgonfiato il Pdl
Bersani: "Berlusconi in tv? Non siamo mica in Bielorussia"
Berlusconi in tv: "Non consegneremo Milano agli estremisti"
Silvio Berlusconi in tutti i telegiornali: le immagini

(in fondo all'articolo tutti i video sulle elezioni amministrative)

Il film della campagna elettorale per i ballottaggi sembra riproporre lo stesso copione, con le previsioni negative che Silvio Berlusconi lega all'eventuale vittoria di Giuliano Pisapia a Milano e le controrepliche di Pier Luigi Bersani, che oggi prende a spunto le interviste tv simultanee del presidente del Consiglio per contrattaccare.

"Non vogliamo certamente immaginare un'Italia governata da una sinistra e condizionata dalla sinistra estrema con gli estremisti, i cattocomunisti, i giustizialisti e i verdi, soprattutto in un momento delicato per l'economia come quello che stiamo vivendo", dice oggi Berlusconi in un messaggio affidato stavolta al sito Pdl. "I ballottaggi del 29 e 30 sono una nuova sfida - aggiunge - noi possiamo, anzi, dobbiamo vincere: abbiamo gli uomini giusti e le idee giuste, possiamo farcela grazie al sostegno dei moderati". Su Milano il premier poi ricorda che "la Moratti può e deve vincere alla vigilia dell'Expò. Non si può consegnare la città alla sinistra più radicale, dobbiamo spiegare ai milanesi che il sindaco di estrema sinistra è incompatibile con l'Expo e dannoso per i milanesi perché con la sua amministrazione aumenterebbero le tasse e ci sarebbe più immigrazione e più baracche in giro degli zingari". Quanto invece a Napoli "il nostro candidato, con l'aiuto dei moderati, farà finalmente uscire la città dagli ultimi 18 anni di malgoverno della sinistra", assicura il presidente del Consiglio che liquida De Magistris dicendo invece che "il candidato della sinistra si propone come il nuovo ma è il vecchio che ritorna, perché appoggiato dalla stessa sinistra responsabile dello sfascio della città".

A stretto giro arriva la risposta di Giuliano Pisapia, a margine di un incontro con gli studenti dell'Università Bocconi. "Mi sembra - ha detto il candidato del centrosinistra - che questi anni dimostrino che lui è stato dannoso per l'Italia e i milanesi: è aumentata la disoccupazione, un giovane su quattro non trova lavoro e tutti gli altri, se lo trovano, trovano un lavoro precario".

Futuro e libertà, insieme al Terzo polo, com'è noto non si schiera per nessun candidato, ma lo fa per la caduta di Silvio Berlusconi. "Mi auguro che vada a sbattere, così potremo costruire un nuovo centrodestra", afferma senza mezzi termini il capogruppo futurista alla Camera, Benedetto Della Vedova. "Non va bene - premette - che il Presidente del Consiglio, sedicente moderato e liberale, vada in giro parlando di zingaropoli e di Islam. Noi che il centrodestra andava a sbattere l'avevamo detto già a novembre. Ma Berlusconi ha scelto il motto del suo amico di Milano: resistere, resistere, resistere. A questo punto mi auguro che vada a sbattere, così potremo costruire un nuovo centrodestra".

Pier Luigi Bersani ricorda che "il gesto di Berlusconi che va in cinque telegiornali a fare un comizio con il simbolo del Pdl alle spalle" è un gesto che "nessuna multa può sanare". Nel polverone politico finisce anche l'arcivescovo di Milano, criticato dal Giornale. "Quando intervengo faccio di tutto per intervenire da credente e da vescovo: il mio punto di riferimento è il Vangelo, le reazioni non mi turbano", controbatte il cardinale Dionigi Tettamanzi che non nasconde come "sarebbe interessante entrare nel dialogo" ma, aggiunge anche, "non è possibile farlo ora".

Il video appello di Berlusconi



Leggi tutto