Ballottaggi: a Napoli, si tira in ballo persino Totò

1' di lettura

Dopo il duro faccia a faccia a SkyTG24 tra i due candidati, nel capoluogo campano prosegue la campagna elettorale, anche a colpi di citazioni d’autore. D’Alema: "Voteremo De Magistris a prescindere”. La Russa: “Vince la sinistra? Ma mi faccia il piacere”

AMMINISTRATIVE 2011

IL FOCUS:
su Milano - su Napoli
Pigia-Pigia: Napoli, così si è sgonfiato il Pd
Pisapia-Moratti: la cronaca del sorpasso in un video di 8 minuti
Silvio Berlusconi in tutti i telegiornali: le immagini


Da un lato, il centrodestra, che con La Russa per scongiurare una possibile vittoria del centrosinistra ricorre alla celebre battuta "Mi faccia il piacere", diventata ormai un cult del cinema italiano.
Dall'altro, il centrosinistra, che con D'Alema rispolvera un altro classico del principe De Curtis, affermando che il Pd, a Napoli, "voterà De Magistris a prescindere".
La campagna elettorale nel capoluogo campano si infiamma. Anche a colpi di citazioni del grande Totò.
Così, dopo il faccia a faccia di SkyTG24 tra i due candidati De Magistris e Lettieri, l'ultima settimana prima del voto prosegue tra i botta e risposta dei leader e dei politici nazionali.

D'Alema: "Il Pd appoggia De Magistris" - A citare il principe della commedia, ci pensano prima l'ex premier D'Alema e poi il ministro della difesa La Russa.
"Come diceva un grande napoletano, Totò, il Pd voterà De Magistris 'a prescindere'...".
E' questa la frase che D'Alema affida in un'intervista al Mattino per fugare ogni dubbio sulla posizione del Partito democratico in favore del candidato Idv al ballottaggio contro Lettieri del Pdl per la carica di sindaco di Napoli.
"Votiamo senza se e senza ma", dice D'Alema, sottolineando che "nei ballottaggi si gioca una partita decisiva: bisogna sconfiggere Berlusconi, voltare pagina; e il risultato elettorale ha accelerato questo processo. Il Pd è il maggiore partito dell'alternativa, non può anteporre questioni secondarie come quella degli apparentamenti al dovere di dare risposte al Paese. Sarebbe paradossale - aggiunge - che il governo più antimeridionale che abbiamo mai avuto nella storia d'Italia crollasse nel Paese e vincesse nella capitale del Mezzogiorno".

La Russa: "A Napoli serve un uomo del fare" - "Pisapia e de Magistris sindaci? Ma mi faccia il piacere..." è invece la battuta (copyright sempre il mitico Totò) del ministro della Difesa, Ignazio La Russa per spiegare, sempre in un'intervista al Mattino che "a Napoli, serve un uomo del fare come Lettieri. Napoli non ha bisogno né di demagogia né di populismo ma di una politica del fare, di uno che si rimbocchi le maniche e fatichi, di uno come Lettieri e non di uno che ragioni per dogmi e teoremi preconcetti come de Magistris".
Guarda la gag del mitico Totò:




Osserva La Russa: "Mentre a Napoli e a Milano, Lettieri e la Moratti possono vincere, il Pd non avrà il sindaco né a Milano, dove sostiene un candidato di Rifondazione comunista, né a Napoli, dove è stato tagliato fuori al primo turno e per il ballottaggio è stato sdegnosamente rifiutato da De Magistris. Insomma, se Atene piange Sparta non ride, ma con la differenza che noi possiamo ancora sorridere, il Pd può solo piangere".

Guarda anche:

LE GALLERY:
I festeggiamenti  di Pisapia - di De Magistris - di Fassino - di Merola - La delusione di  Letizia Moratti - Le prime proiezioniI tweet dei candidati - La stampa italiana - La stampa estera - Ballottaggi: vincitori e vinti - l'Album -

Tutti i video sulle elezioni amministrative a Napoli

Leggi tutto