Pdl: tra accuse e mea culpa, è iniziata la resa dei conti?

1' di lettura

Dopo l'esito del voto, botta e risposta tra il ministro Prestigiacomo e il sottosegretario Santanchè. Moratti ammette: forse abbiamo sbagliato. Il Giornale: non tutti hanno dato il massimo. E Bossi lancia l'ultimatum al premier. LA RASSEGNA STAMPA

COMMENTA NEL FORUM

AMMINISTRATIVE 2011
- GUARDA LA RASSEGNA STAMPA

Pisapia-Moratti: la cronaca del sorpasso in un video di 8 minuti

LE DICHIARAZIONI:
- Pisapia - Moratti - Lettieri - Fassino Bersani - Di Pietro - Casini - Montezemolo - Formigoni - Santanchè - Capezzone - Verdini - Enrico Letta - De Magistris - Podestà - Castelli e Calderoli

In questo momento, a Milano, serve il sostegno dell'intero centrodestra che al ballottaggio dovrà dare il massimo appoggio a Letizia Moratti. Silvio Berlusconi non si dà per vinto e ancora ci crede nella possibilità di far girare il risultato del primo turno a favore del Pdl.
Lo fa parlando martedì 17 maggio, ai vertici del partito dopo una giornata intera di silenzi rotta solamente da due comunicati istituzionali. E lo fa soprattutto affermando che questa volta non si spenderà in prima persona se le chance di vittoria si dimostreranno prossime al lumicino. Come dire: una volta sì, ma due no.
Difficoltà che sembrano emergere anche da altre circostanze. Nel giorno in cui i dirigenti del partito convocano una conferenza stampa per sostenere che - Milano a parte - le elezioni sono finite in pareggio e il segretario Pd replica con una risata, la battaglia all'interno del partito di Berlusconi per ristabilire gli assetti di potere sembra infatti più aperta che mai.

"Nel centrodestra non tutti hanno messo il massimo dell'impegno" - Ne dà conto gran parte dei quotidiani in edicola mercoledì 18 maggio. A cominciare da quelli vicini al centrodestra. Il Giornale (di proprietà della famiglia del premier), ad esempio, senza troppi giri di parole punta l'indice contro la fronda all'interno del partito: "Nel centrodestra - scrive il quotidiano diretto da Sallusti - non tutti hanno messo il massimo dell'impegno a favore della Moratti. Il sindaco prepara la rivincita: licenziati i ciellini e nuova strategia".
Più esplicito, Libero, che rivolgendosi a Berlusconi titola con un lapidario: "Rialzati e cammina: molti elettori si sono rotti delle beghe interne, dei guai giudiziari e delle vicende di letto di Berlusconi, degli intrallazzi e dei rimpasti. Nulla è perduto ma bisogna cambiare".

L'autocritica della Moratti e il botta e risposta Santanchè-Prestigiacomo - E se intanto altri giornali ospitano l'autocritica della Moratti, staccata di più sei punti dal suo avversario Giuliano Pisapia ("credo che per troppo amore per Milano e per i milanesi abbiamo sbagliato i toni della campagna elettorale"), all'interno del Pdl iniziano le accuse incrociate.
In un'intervista rilasciata al Messaggero, il ministro Stefania Prestigiacomo dice che "a volte l'aggressività della politica dell'invettiva ha finito per cancellare la politica del fare". Un attacco che, senza troppi giri sembra rivolta nei confronti dei falchi del partito, a cominciare dal sottosegretario Daniela Santanchè.
Critiche però rispedite al mittente dalla stessa Santanchè in un'altra intervista, pubblicata sul Corriere della Sera: "Non ho alcuna passione per gli avvoltoi. Per gli ingenerosi. Per chi ciritica e non lavora. Appartengo alla categoria opposta, di chi non critica e da oggi torna ai banchetti, ai mercati, in mezzo alla gente".
E sulla Prestigiacomo dice: "Con lei ho un rapporto politico. Amiche non siamo mai state".

L'ultimatum di Bossi a Berlusconi - Ma il colpo d'arresto della maggioranza a Milano, prelude anche ad un'altra sfida, stavolta tra alleati. Secondo la ricostruzione che fa Repubblica, Bossi avrebbe dato un ultimatum a Berlusconi, intimandogli che "se perdiamo, sarà difficile evitare la crisi". Un annuncio che arriva nonostante i tentativi di rassicurazione del Cavaliere, che avrebbe garantito per il futuro scelte più condivise.
Nei giorni scorsi, la base della Lega aveva già manifestato forti malumori nei confronti del premier, sia sul web sia attraverso la radio del partito.

Guarda anche:

LE GALLERY: I festeggiamenti  di Pisapia - di De Magistris - di Fassino - di Merola - La delusione di  Letizia Moratti - Le prime proiezioniI tweet dei candidati - La stampa italiana - La stampa estera - Ballottaggi: vincitori e vinti - l'Album -

IL FOCUS:
su Milano - su Napoli - su Bologna - su Torino - su Cagliari - su Salerno - I grillini alla conquista del Nord - Comunali smacco per la Lega - IL VOTO VISTO DAL WEB

LE STORIE: Milano, Berlusconi dixit: primo turno o sarà il mio funerale - Gallarate, la Lega corre da sola. E perde - Latina, il flop fasciocomunista - Cacciari-Gelmini: scontro in diretta - Matteoli perde il "feudo" Orbetello - Arcore: il centrosinistra sfonda in casa del premier

LE FRASI PIU' IRONICHE APPARSE SU TWITTER: su Pisapia - sulla Santanchè

Tutti i video sulle Amministrative

Leggi tutto