Provinciali, il centrosinistra tiene Ravenna. Ma perde voti

1' di lettura

Claudio Casadio, candidato del Pd, è stato eletto con oltre il 62%. Un dato più basso di otto punti rispetto a quello ottenuto dalla coalizione di centrosinistra alle ultime amministrative. Rudi Capucci (Pdl e Lega) si è fermato al 26%

PROVINCIALI: TUTTI I RISULTATI
Provinciali, per molte sfide serve il ballottaggio
IL FOCUS: su Milano - su Napoli

Guarda anche:
Amministrative 2011: LO SPECIALE - L'ALBUM FOTOGRAFICO

(In fondo all'articolo tutti i video sulle elezioni amministrative)

La coalizione di centrosinistra si è confermata alla guida della Provincia di Ravenna. Claudio Casadio, candidato del Pd, è stato eletto con oltre il 62%. Un dato più basso di diversi punti rispetto a quello ottenuto dalla coalizione di centrosinistra alle ultime amministrative: Francesco Giangrandi, di area cattolica, era stato eletto con oltre il 70%.

Casadio - ex sindaco di Faenza -, nella precedente giunta provinciale era vicepresidente. In coalizione il Pd ottiene il 44% dei voti, ovvero circa il 5% in meno. Dopo una serie di tornate elettorali in cui aveva perso voti, Sel risale attestandosi attorno al 5%. È cresciuta pure l'Italia dei Valori superando il 6%. FdS è arrivata a quota 3,8%. Il Pri, formazione storica del Ravennate, anch’esso nella coalizione Casadio, ha fissato i suoi voti attorno al 3%, sostanzialmente stabile rispetto alla precedente tornata elettorale. I Laburisti (Radicali e Socialisti insieme al centrosinistra) non hanno invece raggiunto l'1%.

La coalizione Pdl - Lega, che candidava Rudi Capucci (esponente del Carroccio) si è fermata a poco più del 26%. Ma se la Lega è avanzata passando dal 2% di cinque anni fa a oltre l'11%, il Pdl ha registrato un calo, avendo ottenuto meno del 15%, circa sette punti in meno rispetto alle precedenti elezioni, considerando la somma FI più An.
L'Udc, che candidava insieme al partito Pensionati Gianfranco Spadoni, si è confermata poco sopra al 4%.
Per Futuro e Libertà, risultato che rischia di non fargli ottenere nemmeno un consigliere: il candidato Guido Baldrati Folli si avvia ad ottenere meno del 2%. Baldrati è stato superato anche dalla lista civica 'Ravenna Virtuosa' (candidata Cinzia Pasi) che ha superato quota 2%. Sotto l'1%, infine, le due candidate di La Destra e Forza Nuova, Patrizia Ricci e Desiderai Raggi.

Leggi tutto