E dal popolo azzurro fioccano le critiche sul web

La home page del sito Popolo delle Libertà
1' di lettura

Già dopo i primi dati, sul forum on line del Popolo delle Libertà si scatenano messaggi contro il Premier e il risultato di Milano. Su Facebook auguri, congratulazioni e messaggi di sostegno ai candidati che vanno al ballottaggio

LA DIRETTA DI SKYTG24

Amministrative 2011: LO SPECIALE - LE FOTO


LE DICHIARAZIONI: Pisapia - Lettieri - Fassino Bersani - Di Pietro - Casini - Formigoni - Santanchè - Capezzone - Verdini - Enrico Letta

LE GALLERY:
I festeggiamenti di Pisapia - La delusione della Moratti - Le prime proiezioni

IL FOCUS:
su Milano - su Napoli - su Torino

PROVINCIALI : I DATI IN TEMPO REALE - L'ARTICOLO

(in fondo al pezzo i video sulle Amministrative 2011)


Colpa della Moratti, della Lega o di qualche errore di Silvio Berlusconi? Mentre ancora i dati continuano ad affluire, sullo Spazio azzurro, il forum on line del Popolo della libertà, i militanti del partito iniziano a fare un'impietosa analisi del voto. Al centro delle critiche, soprattutto il risultato di Milano.
'' La Moratti non era il candidato giusto'', scrive Antomas. '' Bossi ha tirato la corda. Troppo'', sostiene Mara. '' Bossi e la Lega se si perdono le elezioni sono i primi responsabili!'', concorda un anonimo. Vittorio se la prende un po' con tutti: '' Ma vi rendete conto? Con Pisapia! Siete fuori di testa. Incapaci. Perdere Milano! Mendicare i voti. Che pena''.

Ma c'è anche chi critica apertamente lo stesso Berlusconi: '' Presidente, lasciata la politica ai Frattini e campo libero a Napolitano che fa il capo del governo, ti aspettavi una vittoria elettorale?'', scrive un lettore che si firma Msi. E un altro: '' Caro Berlusconi lo sconsiderato attacco alla Libia ti ha fatto perdere consenso. Rifletti su questo errore''.  '' Avete tradito gli elettori sulla immigrazione, avete fatto solo annunci, ve lo avevo detto'', incalza Rino. E un altro: '' Ve lo siete cercato e le urne ve lo servono sul piatto d'argento. Avanti Tremonti!!''. ''Siete stati immobili e ora la gente ha ragione a farvi andare ai ballottaggi a Milano e Napoli. Riforme zero. Liberalizzazioni zero. Calo tasse zero''.

Non manca chi invita al sangue freddo, all'attesa dei dati definitivi e a non ''darsi la colpa l'un l'altro e arrivare a far cadere il governo''.


I PROFILI DEI CANDIDATI SU FACEBOOK

"Grande Piero", "Grandissimo sindaco": il popolo dei social network è molto meno prudente dei candidati e a Torino, nella prima elezione ai tempi di Facebook, quando lo spoglio delle schede è ancora a meno di 200 seggi su 219, sulla bacheca di Piero Fassino, il candidato del centrosinistra in testa, ci sono già i commenti di giubilo di amici e sostenitori. Abbandonando ogni scaramanzia, i fassiniani lo chiamano già sindaco, con auguri, complimenti e congratulazioni.

Dando uno sguardo alla rete, i più esultanti sembrano però i "grillini" che, con il candidato sindaco Vittorio Bertola, sono attualmente attestati al 5%:  "In ogni caso hai vinto tu", "Un passo alla volta per cambiare il sistema", "Ora due anni di duro lavoro e poi presentarsi più forti alle politiche nazionali" - sono alcuni dei molti commenti lasciati sulla bacheca del candidato del Movimento 5 Stelle, avvezzo forse più di altri, in quanto blogger, ad avere a che fare con post, twitt e tutte le nuove forme di comunicazione telematica 2.0.

Pochi i commenti sulla bacheca del candidato del centro-destra, Michele Coppola, e incentrati ormai sulla rassegnazione e sullo sguardo al futuro per il candidato "giovane" della competizione torinese:  "Grazie comunque... Grazie di tutto. Tra 5 anni ti aspettiamo, stesso posto stessa ora... E ce la faremo...".

Tace la bacheca del candidato del Terzo Polo Alberto Musy, fermo sotto il 5%, mentre il candidato della Federazione della Sinistra Juri Bossuto, fermo a un 1,5%, si rivolge ad amici e sostenitori direttamente con un post su Facebook:  "La maggioranza non sempre ha ragione, anzi... Le nostre idee sono giuste, mi spiace per come sta andando. Ma non cambierei una virgola di quanto detto e fatto! Avranno letto il nostro programma i torinesi? Un abbraccio collettivo!".

Leggi tutto