Amministrative, sono solo il 14% le donne aspiranti sindaco

1' di lettura

Tra tutti i candidati nei Comuni al voto il prossimo 15 maggio, l’86% sono uomini. A detenere il record negativo è la Campania, con sole 30 donne in corsa sui 151 pretendenti alla fascia tricolore. Pochi anche i giovani e i neoitaliani

Guarda anche:
Speciale Elezioni 2011
L'album fotografico delle elezioni
Forum: cosa vorresti chiedere ai candidati?

Tra i 3976 candidati a sindaco nei 1315 Comuni italiani al voto il 15 e 16 maggio, ben 3419 sono uomini, cioè circa l'86% del totale. Solo il restante 14% è occupato dalle 557 donne in corsa per la poltrona da primo cittadino. A detenere il primato negativo è la Campania, con 30 donne in corsa per le 151 poltrone da sindaco contro i 385 candidati maschi, cioè il 7% del totale. Mentre la Regione più virtuosa in fatto di democrazia paritaria sono le Marche dove le donne in corsa sono il 19,5% del totale. Una sfida tutta al maschile avviene, invece, in ben 800 Comuni italiani. I casi più eclatanti riguardano i capoluoghi di provincia: Trieste, Pordenone, Latina, Benevento, Napoli, Catanzaro, Reggio Calabria e Carbonia. Solo in 6 Comuni invece la sfida è tutta al femminile: Mompantero (Torino), Ono San Pietro (Brescia), Borgo San Siro (Pavia), Bolognola (Macerata), Marta (Viterbo), Secinaro (L'Aquila).

I candidati stranieri - Sei invece i candidati di origine straniera in corsa per diventare sindaco. Tra di loro quattro si candidano in Comuni del Nord, uno al Centro e uno al Sud. La provincia che ha il maggior numero di candidati di origine straniera è quella di Cremona: a Palazzo Pignano, Comune di poco meno di 4 mila abitanti, è in corda Taimur Dessuki, 50enne egiziano di nascita, mentre a Campagnola Cremasca - poco meno di 700 anime - corre per la poltrona di primo cittadino Farida Mechahwar, 34enne nata a Lodi da genitori arrivati dall'Egitto.
Sempre in Lombardia, ma a Luvinate, 1300 abitanti in provincia di Varese, è in corsa Stefano El Fenne, nato nel 1964 in Marocco. Mentre a Finale Emilia, centro modenese di quasi 16 mila abitanti, tenta di conquistare la fascia tricolore Malak Mohamad Kamel, 55enne di origine libanese. Tutti e tre sono consiglieri comunali uscenti.
Tra i sei neoitaliani in gara per diventare sindaco, il più giovane si trova a Figline Valdarno (Firenze): Dmitrij Gabriellovic Palagi, nato a Vilnjus nel dicembre 1988, quando ancora la Lituania faceva parte dell'Urss. Infine, l'altra candidata di origine straniera è Maria Filomena Campos, 42enne nata nell'Angola ancora colonia portoghese, che cerca di diventare sindaco di Taurisano, comune salentino di circa 12mila abitanti.

I candidati più giovani - Hanno da poco compiuto 19 anni e sono i candidati sindaci più giovani d'Italia alle prossime elezioni amministrative. Classe 1992, gli under 35 più "verdi" dello stivale si candidano in tre piccoli comuni, Bonea (Benevento), Merana (Alessandria) e Cuceglio (Torino). Sono Salvatore Paradiso, Giacomo Perocchio e Fabio Bellini. Da un'analisi Comunicare-Anci, risulta che in totale, considerando i nati dopo il mese di maggio 1976, sono 434 i Comuni con i candidati sindaci under 35 alle prossime elezioni amministrative. Ben 64 sono quelli nati nel 1978, 53 quelli classe 1979 e poi, tra i più giovani, 33 nati nel 1982.

Il candidato più anziano – A Busto Arsizio, invece, va il primato del candidato sindaco più anziano. Gianpietro Rossi, 83 anni, già sindaco nel lontano 1961, quando fu eletto il più giovane primo cittadino italiano.

Leggi tutto