Berlusconi a Milano: "Vincere per sostenere il governo"

1' di lettura

Il presidente del Consiglio torna a spendersi per la candidatura di Letizia Moratti e dice: "Dobbiamo convincere quelli che ci paiono convertiti da Rai e da La7". Poi chiede le preferenze per il suo nome: "Votatemi per farmi fare bella figura". VIDEO

Guarda anche:
Bologna, ecco il gorilla che vuole diventare sindaco

Milano, Boeri lancia lo spot telepatico. VIDEO

Amministrative 2011, candidati, manifesti, satira. FOTO


Silvio Berlusconi torna a spendersi in prima persona per la campagna elettorale di Letizia Moratti alle elezioni comunali di Milano e insiste sull’importanza di vincere al primo turno. "Dobbiamo assolutamente vincere al primo turno non solo per confermare questa amministrazione e il nostro bravo sindaco Letizia Moratti ma perché la vittoria al primo turno ci porterà un sostegno importante al governo del Paese" ha detto il presidente del Consiglio, collegandosi telefonicamente a una cena elettorale in sostegno del sindaco uscente.

Suona come un ultimo appello, una chiamata alle armi, la telefonata in cui il premier non dà per scontata la vittoria, ma dice: "E' importante vincere per tentare di convincere quelli che non hanno voglia di votare, o quelli che ci paiono convertiti da Rai e da La7, dai giornali che ci vengono contro e che riempiono la testa di gente con delle frottole. A loro dobbiamo ricordare  ciò che abbiamo fatto per il Paese". Il premier denuncia anche i "pericoli" in caso di vittoria da parte del candidato di centrosinistra Giuliano Pisapia: "Non osano dire che rimetteranno l'Ici sui negozi, che aumenteranno la tassa sull'occupazione del suolo pubblico e a questo si aggiungeranno le moschee che fanno parte del loro programma".

Il presidente del Consiglio ha rivolto inoltre una appello perchè gli elettori della Moratti esprimano la preferenza per il suo nome, in quanto capolista del Pdl alle comunali. "Se c'è qualcuno che mi stima, mi vuole bene, mi vuol far fare una bella figura nel panorama milanese scriva, possibilmente in stampatello, il mio nome: Silvio Berlusconi" ha detto. "Per sostenere in prima persona Letizia Moratti mi è stato chiesto di rischiare, non potendo io fare campagna elettorale mi è stato chiesto di espormi a una elezione con le preferenze - ha continuato - mi permetto di raccomandare alla gente che, votando Pdl vede che sul simbolo c'è già scritto il mio nome di non credere di avere già espresso così la preferenza per me".

Intanto, in vista delle elezioni comuali, continua il dibattito sui faccia a faccia in tv tra i candidati. SkyTG24, che porta avanti una campagna sui confronti tra leader, ha invitato i principali candidati di alcune città a confrontarsi ed è in programma per l'11 maggio un dibattito tra Giuliano Pisapia e Letizia Moratti. Ma anche Manfredi Palmeri, candidato del terzo polo, da tempo chiede un confronto con il sindaco uscente e per protesta va in giro per la città con una sedia vuota, in riferimento alla Moratti che, a parer suo, si sottrae al confronto e per questo il Terzo polo è ricorso anche all'Agcom per fermare il faccia a faccia in programma su SkyTG24.

Leggi tutto