Berlusconi torna alle origini e canta: "Nustalgia de Milan"

1' di lettura

Performance canora per il presidente del Consiglio in occasione del comizio a sostegno della candidatura di Letizia Moratti a sindaco di Milano. Tra una stoccata ai magistrati e una barzelletta sull'Inter il premier intona un brano in dialetto. VIDEO

Niente a che vedere con le performance sulle navi da crociera fatte in gioventù con Fedele Confalonieri. E decisamente distante dallo stile neomelodico sfoggiato in coppia con Mariano Apicella. Questa volta Silvio Berlusconi sfoggia il suo dialetto lombardo e intona "Nustalgia de Milan", vecchio brano della tradizione popolare scritto da Giovanni D'Anzi.
L'esibizione avviene, ça va sans dire, nel capoluogo lombardo, durante il comizio a sostegno della candidatura a sindaco di Letizia Moratti.
Così tra un affondo ai magistrati e una barzelletta sull'Inter, il presidente del Consiglio ricorda gli anni durante la guerra in cui è andato in Svizzera. Proprio lì mamma Rosa gli faceva cantare quasi come un inno nazionale "Nustalgia de Milan". "La conoscete?" ha detto, intonandone le prime parole e facendole cantare a tutti (GUARDA IL VIDEO IN ALTO).

Leggi tutto