Accordo tra governo e regioni: migranti in tutta Italia

1' di lettura

No alle tendopoli, sì alla concessione di un permesso di soggiorno temporaneo. Sono i punti chiave dell'intesa siglata nella tarda serata di mercoledì 6. Via libera a "un nuovo sistema di accoglienza diffusa sull'intero territorio nazionale"

Guarda anche:
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it
L'album fotografico: tutti gli scatti sull'emergenza
Strage in mare: le voci dei sopravvissuti. VIDEO

Piccoli insediamenti di immigrati distribuiti in tutta Italia, no alle tendopoli, coinvolgimento in prima battuta della Protezione Civile, insieme alle Regioni e agli enti locali, concessione dell'articolo 20, ovvero del permesso temporaneo di soggiorno, (sul quale domani il governo dovrebbe emanare il decreto relativo): sono i punti chiave dell'accordo che è stato raggiunto nella tarda serata di mercoledì 6 a Palazzo Chigi dopo un lungo lavoro di 'limatura'. L'intesa arriva nel giorno della tragedia al largo di Lampedusa dove un barcone con centinaia di persone a bordo è affondato.

In sostanza si tratta di una rivisitazione dell'accordo già sottoscritto da Governo e Regioni mercoledì scorso. Tra le Regioni sembravano esservi state tensioni: alcuni governatori lamentavano infatti che il peso dell'immigrazione fosse ricaduto solo su alcuni territori. Il nuovo testo assicura che ci sarà "un nuovo sistema di accoglienza diffusa sull'intero territorio nazionale" che consentirà "di superare l'attuale gestione degli immigrati irregolari".

Il Governo si impegna anche ad avviare una iniziativa verso l'Unione Europea affiché gli immigrati possano circolare anche nei Paesi europei. Chi opterà per il permesso di soggiorno temporaneo sarà assistito "e di ciò si fà garante il governo"; sarà assicurato un finanziamento "adeguato e capiente" per sostenere l'emergenza al Fondo presso il Dipartimento nazionale di Protezione civile, mentre il Piano per l'accoglienza dei profughi sarà presentato entro 10 giorni.

"Abbiamo deciso di andare tutti insieme, Governo, Regioni, Province e Comuni, a presentare al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano questo accordo che consente all'Italia di dare una risposta e gestire questo Piano con indispensabile coerenza", ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, in una conferenza stampa che si è tenuta alle 23 a Palazzo Chigi. "Credo abbia prevalso il buonsenso: il Governo accetta di applicare l'articolo 20 per dare un permesso temporaneo ai migranti e permettere loro di defluire verso Schengen. Abbiamo insistito per cambiare lo stile che non può essere militare": ha detto al termine dell'incontro con l'esecutivo il governatore della Puglia Nichi Vendola.

"La Toscana ha chiesto al Governo, visto che ha accolto 500 immigrati, che anche altre Regioni del nord facciano altrettanto - ha affermato il governatore della Toscana, Enrico Rossi - E' giusto che anche altri si facciano carico di allestire strutture, il giro di giostra tocca a tutti".

L'assessore al Bilancio della Regione siciliana, Gaetano Armao, ha evidenziato che la Sicilia attende un decreto legge "che trasformi in realtà gli impegni presi dal premier, in particolare per quanto riguarda gli impegni finanziari per Lampedusa ed altre aree dove si è concentrata l'immigrazione" mentre per l'assessore alla Protezione Civile della Lombardia, Romano La Russa, "la gestione dell'articolo 20, ovvero dei permessi temporanei per i migranti, certamente non sarà facile". "Siamo molto soddisfatti, mi pare che tutte le questioni che avevamo chiesto, dalla distribuzione sul territorio al superamento delle grandi aggregazioni, sono state accettate", ha commentato la presidente della Regione Lazio Renata Polverini al termine della cabina di regia.

"E' prevalsa la linea del dialogo. Diamo una risposta unitaria e condivisa", ha affermato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, che con Errani ha spiegato i termini dell'accordo sottoscritto stasera.

Leggi tutto