Processo breve, tour de force alla Camera

1' di lettura

Si è conclusa poco dopo la mezzanotte di mercoledì la seduta per discutere il testo. Ripresi i lavori, il governo convoca il Cdm durante la pausa pranzo, per consentire anche ai ministri di essere in Aula. L'affondo del Csm: "E' una amnistia". FOTO

Guarda anche:
Processo breve, il Pd fa "ostruzionismo creativo". LE FOTO

Tour de force a Montecitorio per approvare in tempi rapidi il processo breve. Il premier Berlusconi spinge infatti perché il provvedimento diventi legge al più presto. Un pressing, riferiscono esponenti del Pdl, che ha causato anche alcuni momenti di fibrillazione nella stessa maggioranza, costretta a fare i conti con la necessità di accelerare i tempi e un calendario dei lavori non favorevole. Tutti i deputati della maggioranza vengono precettati in Aula, nessuna defezione è concessa e si va avanti ad oltranza, con l'opposizione che rallenta i lavori e fa ostruzionismo. Ma arriva anche l'affondo del Consiglio superiore della magistratura, che parla di una "sostanziale amnistia".

La discussione si è conclusa poco dopo la mezzanotte: sono stati votati (e respinti) solo 4 emendamenti all'articolo 1 del testo. In tutto gli emendamenti sono circa duecento.
La seduta è ripresa giovedì mattina e, per evitare 'incidenti' che possano compromettere il voto finale del processo breve, anche il Consiglio dei ministri subirà il 'contingentamento' dei tempi. Giovedì la riunione è stata convocata dalle 13,30 alle 15, recita la nota ufficiale di palazzo Chigi. Giusto il tempo della necessaria pausa pranzo. I ministri così potranno partecipare alla riunione dell'esecutivo senza far mancare il loro voto alla Camera, come era successo giovedì scorso, quando si è scatenata una vera e propria bagarre.

Nonostante il lavoro dello stato maggiore del Pdl per reclutare nuove forze continui a dare i suoi frutti, la maggioranza, per essere effettivamente tale, ha infatti ancora la necessità di chiamare a raccolta tutti i parlamentari, ministri compresi. Martedì, con il voto sul conflitto di attribuzione, è stata ancora una volta raggiunta quota 314: 12 voti in più  rispetto all'opposizione e, soprattutto, tre nuovi voti - due dei liberaldemocratici Melchiorre e Tanoni, e uno dell'autonomista Aurelio Misiti. Ma, anche se dall'Mpa sono in arrivo un paio di altri possibili deputati, la fatidica quota 330, necessaria alla maggioranza per navigare tranquilla a Montecitorio, non è ancora raggiunta.

Le critiche del Csm - Una "sostanziale amnistia"  che travolgerà i processi in corso e che avrà "effetti negativi" anche su quelli futuri. E a farne le spese saranno soprattutto, ma non solo, i reati contro la pubblica amministrazione, corruzione in testa. La stroncatura della prescrizione ridotta per gli incensurati arriva dal Csm, proprio mentre alla Camera è battaglia sul provvedimento che la contiene, il cosiddetto processo breve. Una concomitanza censurata dal Pdl che, con i capigruppo del Senato parla di "ostinazione" del Csm a "interferire" nel confronto parlamentare.

Leggi tutto