Frattini: per Lampedusa non bastano i fondi europei

1' di lettura

Il ministro degli Esteri a SkyTG24 commenta l'emergenza sbarchi: "L'Europa è assolutamente inerte in questo periodo. È necessario superare la visione di una burocrazia europea che pensa che con i denari si possa risolvere tutto”. L'INTERVISTA

Guarda anche:
Migranti in fuga dalla tendopoli di Manduria. IL VIDEO
Lo speciale Mediterraneo: la guerra e gli sbarchi
Gli immigrati e l'Italia: tutte le foto
Le foto dell'isola prima e dopo gli sbarchi

(In fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza)

Per gestire l'emergenza immigrati non bastano i fondi. Servono interventi politici da parte dell'Unione Europea. 
Mentre continuano gli sbarchi a Lampedusa e nel giorno in cui il premier fa una visita nell'isola siciliana, in un'intervista a SkyTG24 il ministro degli Esteri Franco Frattini dice che "l'Europa è assolutamente inerte in questo periodo. Non si tratta di soldi, si tratta di prendere un'iniziativa che è prevista dalle leggi europee, da una legge entrata in vigore alcuni anni fa che ha stabilito con chiarezza che quando ci sono afflussi improvvisi di rifugiati verso uno o più paesi l'Europa deve adottare un piano straordinario che include la distribuzione verso i paesi membri degli sfollati per un periodo temporaneo necessario ad attuare il rimpatrio di coloro che non sono rifugiati, come in questo caso i tunisini, ma sono semplicemente immigrati economici".
Il ministro degli Esteri ha concluso quindi che è necessario superare la visione di "una burocrazia europea che pensa che con i denari si possa risolvere tutto: ci vogliono interventi politici".

Leggi tutto