Nucleare: il Cdm approva moratoria di un anno

Il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani
1' di lettura

La pausa decisa dal Consiglio dei ministri, in seguito alla catastrofe che ha colpito il Giappone, era stata già annunciata dal ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani. Il governo si dà inoltre 24 mesi di tempo per definire la strategia attuativa

Guarda anche:
Nucleare: domande e risposte
Avanti tutta, anzi no: il governo e il nucleare
"Ecco i siti dove il governo costruirà le centrali"

Il Consiglio dei ministri ha deciso una moratoria di un anno sul nucleare in Italia. L'annuncio della moratoria era stato fatto già ieri dal ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, davanti alla Commissione Industria del Senato, chiamata a dare il proprio parere sul decreto per la localizzazione delle centrali. "Domani in Consiglio dei ministri il Governo dichiarerà la moratoria per un anno per quanto riguarda le decisioni e l'attivazione delle procedure per la ricerca dei siti per le centrali nucleari in Italia", aveva spiegato Romani.

Nel provvedimento correttivo al decreto 31 sulla localizzazione dei siti, si prevedono 12 mesi di moratoria e 24 mesi per l'elaborazione della strategia nucleare. In origine la strategia era prevista a distanza di tre mesi dall'approvazione del provvedimento. Ora, con l'approvazione della moratoria di un anno, il termine per la definizione del piano programmatico è  invece spostato ulteriormente in avanti a 24 mesi da oggi.

Il 12 giugno gli italiani saranno chiamati a esprimersi sulla "realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare" tramite referendum (leggi cosa prevede il quesito).

Leggi tutto