Bossi: in Libia serve più cautela. Così perdiamo il petrolio

1' di lettura

"In consiglio dei ministri avevamo deciso di rallentare sull'appoggio alla missione, ma c'è qualche ministro che parla a vanvera". E' l'affondo del leader della Lega sull'intervento militare contro Gheddafi. "Così facendo perderemo il gas"

Guarda anche:
SPECIALE MEDITERRANEO
Libia in rivolta: tutte le foto
La Libia, i giornalisti, e l'insidia della propaganda

(In fondo all'articolo tutti i video sul crisi in Libia)

"Il consiglio dei ministri aveva rallentato l'appoggio con una posizione più cauta di non partecipazione diretta, ma poi c'è qualche ministro che crede di essere più del premier e parla a vanvera". E'quanto sostiene il ministro delle Riforme, Umberto Bossi, a margine di un convegno sul federalismo a Erba, in provincia di Como.

"Penso che con i bombardamenti che stannno facendo verranno qui milioni di immigrati. Scappano tutti e vengono da noi", aggiunge il leader della Lega. Secondo Bossi l'altro pericolo che corre il nostro Paese "è che così facendo perderemo il petrolio, il gas. Io sarei stato più cauto".

"Il mondo è pieno di famosi democratici, che sono abilissimi a fare i loro interessi, mentre noi siamo abilissimi a prenderla in quel posto: il maggior coraggio a volte è la cautela", ha ribadito il ministro delle Riforme.

Venerdì 18 la Lega Nord era stato l'unico partito (insieme all'Idv) a non votare a favore della missione.

Tutti i video sulla crisi in Libia

Leggi tutto