Torino, sarà Michele Coppola (Pdl) l'anti-Fassino

Michela Coppola sarà il candidato per il Pdl alle elezioni comunali di Torino
1' di lettura

L'attuale assessore regionale alla Cultura del Piemonte si candiderà come sindaco del capoluogo il 15 maggio, sfidando l'ex segretario Ds. L'incoraggiamento di Berlusconi: "Ce la puoi fare". L'opposizione: "Solo trucchi del mestiere"

Leggi anche:
Primarie del centrosinistra. Torino incorona Fassino

Arriva da Silvio Berlusconi in persona l'investitura di Michele Coppola come candidato del Pdl contro Piero Fassino alle elezioni comunali del 15 maggio a Torino, nel tentativo di conquistare alla sinistra l'ultima roccaforte rossa del Nord.
Silvio Berlusconi telefona in diretta alla convention con la quale, a Torino, il Pdl presenta il suo enfant prodige anti-Fassino (ha solo 37 anni), sparge ottimismo ed entusiasmo a piene mani in una sala affollatissima al Lingotto, luogo simbolo della vita politica torinese, e usa la stessa misura per attaccare l'ultimo segretario dei Ds e dispensare consigli al suo giovane alfiere che, a dispetto dell'età, è già stato per 11 anni consigliere comunale ed è ora assessore regionale alla cultura del Piemonte.
Berlusconi sprona i suoi (in sala c'e anche il Presidente dei Deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto) e dice che "dopo la Regione Piemonte, conquistata lo scorso anno, dobbiamo conquistare il Comune: a Torino - afferma - è giunta l'ora di cambiare e dare un forte segnale di discontinuità con le giunte di sinistra del passato". Insomma: finalmente conquistare il villaggio di Asterix.
D'altra parte - dice il premier - "questo candidato, Piero Fassino, in effetti, è uno dei protagonisti della vecchia politica conservatrice del Pci", "un partito davvero conservatore, che dice di no a tutte le riforme che abbiamo fatto". Con Fassino - rincara Berlusconi - ci sono "tutti i conservatori; da noi invece c'è la città vera". Coppola, poi non solo è "assolutamente in grado di reggere il confronto con Fassino" ma "ce la può fare, e bene".
E al giovane candidato sindaco, "da comunicatore a comunicatore", Berlusconi dispensa i suoi consigli per un "governo del fare", come il suo, "con un sindaco che mantiene le promesse". "Metti giù un elenco di 100 cose concrete da fare o da avviare nei primi 100 giorni da sindaco - suggerisce il premier - e presenta un impegno di lavoro su 100 situazioni concrete che  in città non vanno bene. Presentati ai cittadini con una specie di contratto" in cui "garantirai a tutti che nei primi 100 giorni alcune di quelle cose le farai e altre le avvierai".

L'opposizione: "Solo trucchi del mestiere" - E' la miccia che fa scoppiare la polemica. Le bordate del centrosinistra contro il premier arrivano a raffica, ad anticipare una campagna elettorale dai toni forti e dal valore sicuramente nazionale (Berlusconi sarà a Torino già il prossimo 21 marzo). Giorgio Merlo, vicepresidente della Commissione di vigilanza della Rai non crede a un "Berlusconi rottamatore" e lo ammonisce: "La carta di identità conta solo per chi non ha altre carte da giocare" mentre "per governare il Comune di Torino contano le idee, i progetti, le competenze". "Meglio non seguire i consigli di Berlusconi", è l'invito di Cesare Damiano, capogruppo del Pd in Commissione Lavoro, a Coppola al quale un consiglio arriva anche da sinistra.
"Non ascoltare Berlusconi perché altrimenti avrai una sconfitta ancora più clamorosa", gli manda a dire il deputato torinese Stefano Esposito, con il Presidente del Radicali italiani, Silvio Viale, che conclude: "Da Berlusconi, per Coppola, nessun esempio positivo, solo trucchi di mestiere". 

Leggi tutto