Giustizia, Berlusconi: i pm dai giudici col cappello in mano

1' di lettura

Via libera dal Cdl alla riforma che il presidente del Consiglio definisce "epocale". D'ora in poi, aggiunge il premier, "il pm per parlare con il giudice dovrà fissare l'appuntamento e battere con il cappello in mano e possibilmente dargli del lei". VIDEO

Guarda anche:
Giustizia, via libera alla riforma. L'Anm: "Meno garanzie"
I punti della riforma della giustizia
Giulia Bongiorno: "Se è migliorativa, voto la riforma"

(in fondo al pezzo i video sulla riforma della giustizia)

La riforma della giustizia è un punto qualificante della nostra azione di governo, una riforma organica, di prospettiva e di profondo cambiamento che non ha nulla a che fare con i processi in corso. Questa la posizione del presidente del Consiglio Berlusconi che illustrando i punti del testo approvato all'unanimità, ha di fatto ha negato che si tratti di un provvedimento ad personam.

Il premier, poi, si è soffermato sul ridimensionamento del ruolo del pubblico ministero, uno dei punti che gli sta più a cuore: con la riforma della giustizia è prevista la "separazione delle carriere con due ordini separati e anche uffici diversi. Il pm per parlare con il giudice deve comportarsi come l'avvocato della difesa, fissare un appuntamento, entrare con il cappello in mano nel suo ufficio e magari dargli del lei".


Leggi tutto