Giustizia, Bongiorno: “Voto la riforma se è migliorativa”

1' di lettura

Il presidente della commissione Giustizia della Camera a SkyTG24: “Alfano ci proponga dei testi con leggi che creino i presupposti per un sistema nuovo e diremo sì”. E su Fli: “Ci sono state delle difficoltà, ma poi ci siamo chiariti". IL VIDEO

Guarda anche:
Berlusconi: "Giovedì la riforma epocale della giustizia"

"Non vedo l'ora di leggere i testi della riforma della giustizia; io sono favorevole alla separazione delle carriere quindi se dovesse essere una riforma diretta a migliorare il sistema e a creare la terzietà del giudice la voterei. Se invece fosse una riforma ispirata ai principi che hanno guidato questi 2 anni con leggi come 'cavalli di Troia', che creano un involucro ma dentro solo norme punitive, allora non la voterei". Lo ha detto a SkyTG24 il presidente della commissione Giustizia della Camera Giulia Bongiorno.

E ha aggiunto: "E' ovvio che c'è una sorta di diffidenza perché veniamo da due anni in cui tutte queste leggi in materia di giustizia non hanno rispecchiato quello che dicevano. Cioè ci sono stati una serie di annunci, poi si leggevano i testi e tradivano gli annunci. Io sono la prima a dire che se i testi creano le condizioni per una rivoluzione epocale della giustizia, allora nessuno si farà frenare da questa diffidenza. Alfano ci proponga dei testi con leggi che creino i presupposti per una giustizia nuova e saranno votati". Quanto al conflitto di attribuzione, Bongiorno osserva che "lo spostamento di temi specifici mi pare anomalo, in realtà non so quanto possa essere considerato coretto. Fli approfondirà la questione nei prossimi giorni".

La deputata Fli ha poi parlato del suo partito: “Futuro e Libertà per l’Italia, com’è noto, è un gruppo che sta nascendo. Come ogni cosa che sta nascendo ovviamente all’inizio può avere dei momenti di difficoltà di aggregazione”. E ha concluso: “Io comunque sono dell’idea che quando ci si chiarisce è meglio superare questi momenti ed essere più coesi piuttosto che mantenere internamente delle fratture. Ci sono stati dei contrasti e c’è tuttora un dibattito in corso, ma è un gruppo che sta nascendo con delle ambizioni che potranno portare più avanti a grandi risultati ”.

Leggi tutto