Prescrizione breve over 65, Vitali: "Ne parlerò al premier"

1' di lettura

"Sono un tipo pragmatico, vado al cuore dei problemi - dice il deputato del Pdl autore della proposta di legge - può capitare che ne tragga giovamento Berlusconi, ma è una colpa"? La norma è stata però disconosciuta dai vertici del partito

Leggi anche:
Prescrizione breve per over 65 e incensurati
Caso Ruby: vai allo speciale
Ruby, il Pdl pensa di abbassare il limite per la maggiore età

"Faccio la norma che serve" perché "sono un tipo pragmatico e vado al cuore dei problemi". Lo dice Luigi  Vitali (Pdl), autore della proposta di legge che accorcia la prescrizione per gli incensurati o per gli over 65 anni, in un'intervista a 'La Repubblica', in cui precisa che "se sei un 'over' e sei recidivo io faccio in modo di  aggravarti la pena". "Può capitare che ne tragga giovamento Berlusconi - dice ancora - ma è una colpa"?
Vitali assicura che appena vedrà Berlusconi gliene parlerò e che è pronto "a portare la norma over 65 nella Consulta del Pdl" perché non vuole che si parli di "fuga in avanti".

Nel provvedimento di Vitali si propone un modo per tagliare drasticamente i tempi della prescrizione per gli incensurati e gli ultrasessantacinquenni e si ripropongono alcuni temi da sempre cari al centrodestra come tempi processuali molto più lunghi per la difesa e introduzione del legittimo sospetto tra i casi di rimessione del processo.

Una misura che l'opposizione ha definito subito come "fatta apposta per le esigenze del premier". Ma il provvedimento, si è commentato subito nel centrodestra, non avrebbe fatto parte delle 'mosse' concordate a livello 'ufficiale'. Così, nel giro di qualche ora, Vitali ha precisato che la norma si sarebbe dovuta 'riscrivere', mentre Ghedini ne ha chiesto  ufficialmente il ritiro, seguito a ruota dal Guardasigilli Alfano, che tramite il suo portavoce spiega che "il governo non sosterrà la proposta di legge dell'on. Luigi Vitali". Lo stesso Berlusconi sembra poi preso in contropiede: "non ne so nulla" ha assicurato ai giornalisti che gli chiedevano delucidazioni in proposito.

Leggi tutto