Bagnasco (Cei): "Con il premier un incontro di prassi"

Il cardinale Angelo Bagnasco con il premier Silvio Berlusconi
1' di lettura

Il presidente dei vescovi italiani ha commentato l'appuntamento di venerdì tra i vertici della Chiesa e quelli dello Stato: "E' andato bene, andiamo avanti". Berlusconi aveva detto: “Con la Chiesa tutto bene come sempre”

Guarda anche:
Caso Ruby, Bagnasco: "Il Paese è sgomento"

"Un incontro istituzionale, di prassi, che ha il suo valore simbolico e anche contenutistico sostanziale, quindi nella norma dell'incontro e del rapporto tra le istituzioni". L'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, commenta così l'incontro di venerdì tra i vertici dello Stato italiano (tra cui il premier Berlusconi) e quelli della Santa Sede per la ricorrenza della firma dei Patti Lateranensi. L'incontro, ha aggiunto il porporato a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario ecclesiastico, è andato "come risulta, sostanzialmente bene in maniera tranquilla, andiamo avanti".

E a chi, tra i giornalisti, gli chiede se la fedeltà sia un valore anche in politica, Bagnasco risponde che la fedeltà è un valore "a tutti i livelli". "La fedeltà - ha quindi proseguito - è una categoria fuori moda dal punto di vista culturale, perché è sinonimo di noia, di ripetizione noiosa delle stesse cose, quasi di prigione della libertà, della spontaneità dei sentimenti, delle azioni e delle esperienze".
"Bisogna recuperare la categoria delle fedeltà - ha sottolineato - sia sul piano dell'amore, dell'amicizia, della vita in generale, del proprio lavoro, dei propri doveri, come la categoria che veramente consente nella ripetizione motivata dei propri doveri la costruzione dell'uomo".

Il premier Berlusconi aveva commentato positivamente l'incontro con il cardinale Bagnasco. I rapporti - aveva detto il Cavaliere - sono sempre ispirati alla massima cordialità e al reciproco rispetto, il clima non è cambiato. Lasciando Villa Borromeo il premier si era limitato ad assicurare che "è andata benissimo come sempre". Ma alcuni dei partecipanti alla cerimonia, hanno descritto un presidente del Consiglio un po' defilato. Il premier ha avuto un colloquio con il Cardinal Bagnasco in occasione dell'anniversario dei Patti Lateranensi, ma nessun faccia a faccia con Tarciso Bertone. Del resto, viene fatto osservare da fonti parlamentari del Pdl, si trattava di un incontro dal cerimoniale rigidissimo.

Leggi tutto