Napolitano: "Basta strappi o la legislatura è a rischio"

1' di lettura

Il giorno dopo l’incontro con Berlusconi, il Quirinale critica con una nota “l’asprezza raggiunta dai contrasti istituzionali” e punta l’indice sulla “necessità di uno sforzo di contenimento delle attuali tensioni”. Il premier: “Devo difendermi”

Guarda anche:
Rubygate: vai allo speciale
Berlusconi e le donne: L'ALBUM FOTOGRAFICO
Raffaella, Sara e le altre. Dalla tv ad Arcore e viceversa

Un colloquio, quello tra Berlusconi e Napolitano, che torna a far discutere anche il giorno dopo, con una netta presa di posizione del Quirinale dopo alcune indiscrezioni uscite sui quotidiani (guarda la rassegna stampa). Dell'incontro - riferisce una nota della Presidenza della Repubblica - "sono state date sulla stampa legittime libere interpretazioni e in qualche caso anche ricostruzioni fantasiose perfino con frasi virgolettate in effetti mai pronunciate da nessuno dei due interlocutori. Si è data particolare attenzione a quella che sarebbe stata la 'temperatura' del colloquio che ha in effetti visto il serio confronto tra rispettivi punti di vista e argomenti. Il Presidente della Repubblica ha insistito su motivi di preoccupazione, che debbono essere comuni, sull'asprezza raggiunta dai contrasti istituzionali e politici, e sulla necessità di un sforzo di contenimento delle attuali tensioni in assenza del quale sarebbe a rischio la stessa continuità della legislatura. Si smentisce nettamente che sarebbero state evocate dal Presidente del Consiglio ipotesi di mobilitazioni e reazioni di piazza che si è escluso di aver voluto e voler sollecitare".

Napolitano: "Nella Carta le ragioni della legalità" - Berlusconi è andato venerdì 11 febbraio al Quirinale intenzionato a sostenere le sue ragioni, a denunciare quella che reputa una "persecuzione", un "golpe" sortito da alcuni pm politicizzati, con la complicità di media e giornali. Ma soprattutto per cercare una 'sponda' che consenta di trovare una soluzione al conflitto in atto fra poteri, permettendo al governo di andare avanti con le riforme, compresa quella della giustizia e delle intercettazioni .
Un conflitto che, paventa il Cavaliere, potrebbe tracimare dalle istituzioni alle piazze, così come è accaduto ad Arcore o davanti al palazzo di giustizia di Milano.
Un tentativo fermato sul nascere da un altro comunicato, il primo, diffuso dal Colle poco prima dell'incontro: un modo per anticipare al capo del governo che Napolitano non intende cambiare posizione o, peggio, farsi tirare per la 'giacchetta'.
L'opportunità per esprimersi sul tema viene offerta al capo dello Stato da un incontro con il Comitato di Presidenza e una rappresentanza del Csm. Una consultazione, precisa la nota del Colle, "richiesta da tempo".
Lo stesso comunicato sottolinea come siano stati i rappresentati del Csm a sollevare l'argomento, esprimendo "preoccupazione" per "l'aspro conflitto istituzionale in atto".
Inquietudine condivisa dal presidente della Repubblica che risponde confermando parole già espresse in passato: "Nella Costituzione e nella legge possono trovarsi i riferimenti di principio e i canali normativi e procedurali per far valere insieme le ragioni della legalità nel loro necessario rigore e le garanzie del giusto processo".
Fuori di questo quadro, è la conclusione del capo dello Stato, "ci sono solo le tentazioni di conflitti istituzionali e di strappi mediatici che non possono condurre, per nessuno, a conclusioni di verità e di giustizia"'.

Berlusconi: "Non voglio forzare la mano" - Un messaggio chiarissimo, dunque, quello recapitato dal Colle al premier: l'unico modo per rispondere alle accuse è quello di farlo nelle competenti sedi giudiziarie, non certo in alzando i toni dello scontro con interviste e messaggi tv.
Dal canto suo il capo del governo, pur tenendo toni bassi seguendo i consigli di Gianni Letta e Angelino Alfano, ha mantenuto la linea: ha sostenuto che l'interesse primario del Paese è quello che al presidente del Consiglio sia consentito di governare, portando a termine quelle riforme chieste dagli elettori attraverso il voto, senza doversi difendere continuamente da accuse che giudica totalmente infondate.
Ma ha anche assicurato di non voler forzare la mano, magari ricorrendo alla decretazione d'urgenza. Nessuna volontà di 'strappi', dunque, anche nella consapevolezza che senza un dialogo con il Colle nessun provvedimento avrebbe chance di passare.
Ma allo stesso tempo la determinazione a non farsi paralizzare, avrebbe ribadito, da inchieste che hanno il solo scopo cacciarlo da palazzo Chigi, come nel '94, anche in considerazione del fatto che in Parlamento una maggioranza non solo c'e' ma sara' presto allargata.

Leggi tutto