Federalismo, la Lega preme. Patto Berlusconi-Bossi ad Arcore

Berlusconi e Bossi a tu per tu
1' di lettura

Il ministro Calderoli fa la voce grossa e in un’intervista a SkyTG24 dice: “O cambiano le commissioni o si stacca la spina”. Poi la classica cena a Villa San Martino, con il premier che rassicura il Senatùr. Ma nel piatto c’è anche il processo breve

La satira degli Sgommati:
Il cervello di Bondi in cambio del federalismo

Guarda anche:
Federalismo municipale: ecco cosa prevede il testo
Stop al federalismo in Aula , ma il governo vara il decreto
Calderoli alza la voce: guarda l'intervista a SkyTG24

Calderoli fa la voce grossa (“O cambiano le commissioni o si stacca la spina”), Bossi ricuce con calma. Sembra il metodo del bastone e della carota, quello praticato dalla Lega negli ultimi tempi. Disposta a tutto, o quasi, pur di portare a casa il federalismo. Così, dopo la sortita del ministro della Semplificazione ai microfoni di SkyTG24, ad Arcore si è tenuta la classica cena del lunedì. Una cena per confermare la road map sulle riforme con l'assicurazione del presidente del Consiglio che i numeri ci sono per portare a compimento la legislatura. A Umberto Bossi che chiede di non tirare avanti solo per “galleggiare”, il Cavaliere risponde che ci sono tutti i presupposti per definire i progetti in cantiere, a partire dal federalismo, in cambio chiede di evitare “strappi” pericolosi per la tenuta della maggioranza e la possibilità di un suo allargamento.

Nessun riferimento, a quanto si apprende,alle polemiche collegate alla vicenda Ruby. Anche se il Cavaliere avrebbe rimarcato ancora una volta la necessità di accelerare sulla giustizia a partire dal processo breve e dalle intercettazioni. In questa cornice il premier ed vertici della Lega, presente il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, hanno fatto il punto sui principali temi sul tappeto, a partire dal delicato passaggio dell'incontro di mercoledì prossimo al Quirinale tra Giorgio Napolitano e il Senatùr per far ripartire il percorso del federalismo Municipale.

I lumbard hanno chiarito di non voler porre nessun aut aut sulla legislatura purché il progetto riformista possa proseguire sulle direttrici prefissate. E a tal proposito hanno ribadito la necessità di un riequilibrio della composizione delle commissioni parlamentari, riequilibrio ritenuto indispensabile sia da Bossi che da Berlusconi per rendere possibile uno spedito iter del processo riformatore.

All'incontro di Arcore era presente anche il governatore del Piemonte, Roberto Cota, reduce da una missione negli Usa,dove ha visitato gli stabilimenti della Chrysler. Non si esclude quindi che durante la cena ci sia stato anche un confronto sulle questione Fiat in vista dell'incontro di sabato a Palazzo Chigi tra governo e l'ad Sergio Marchionne. Berlusconi e Bossi, insieme a Tremonti, hanno anche fatto una panoramica sulle misure che saranno esaminate mercoledì prossimo dal Consiglio dei ministri per il rilancio dell'economia.

E la maggioranza spinge sul processo breve (IL VIDEO):

Leggi tutto