"Onorevoli risate", la sai l'ultima dei politici?

1' di lettura

Un libro edito da Aliberti raccoglie le barzellette raccontate dai parlamentari alla trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora", condotta da Caludio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro. Leggi le battute di Casini, Bocchino, Capezzone e Penati

Italo Bocchino, deputato Pdl e Pier Ferdinando Casini, deputato Udc

(nota degli autori: "Italo Bocchino e Pierferdinando Casini hanno raccontato la stessa, quella di due piloti d’aeroplano ciechi, in tempi non sospetti prefigurando percorsi e destini politici comuni)

I piloti più bravi d’Italia


All’aeroporto di Milano Malpensa, in una lunga fila di check in di un volo Milano-New York, un passeggero nota una persona con un’uniforme da pilota e con il tipico bastone bianco usato dai non vedenti che entra nella cabina di pilotaggio.

Piuttosto stupito, il passeggero si guarda intorno e vede un altro pilota, apparentemente cieco, salire a bordo. Preoccupato, si dirige verso una hostess della compagnia aerea e domanda: «Scusi signorina, ma chi sono quei due ciechi vestiti da pilota?»

La hostess lo tranquillizza assicurandogli che, seppure ciechi, si tratta dei due più grandi piloti italiani che esistono, e che con le moderne tecnologie a disposizione anche un cieco può pilotare un aereo. La notizia si sparge rapidamente tra gli altri passeggeri, i quali s’imbarcano preoccupatissimi. L’aereo si allinea e comincia la lunga corsa per il decollo. Ma, dopo svariati chilometri, l’aereo non si alza e continua ad accelerare.

La pista sta quasi per finire e i passeggeri, in preda al panico, cominciano a gridare forte, quando ad un metro dalla fine della pista l’aereo finalmente s’innalza. I passeggeri tirano un sospiro di sollievo e dalla cabina di pilotaggio il pilota commenta con il copilota: «Il giorno che non strillano siamo fottuti!».

Filippo Penati, Pd

Barzelletta su Bonaiuti

Questa barzelletta l’ha raccontata il presidente Berlusconi quando siamo andati a trovarlo al San Raffaele, in seguito alla ferita riportata nell’attentato della statuetta del Duomo. Prendeva in giro Bonaiuti, che era presente nella stanza. La barzelletta è la seguente:


Bonaiuti è seduto in un tavolino di un bar all’aperto con un altro uomo. Vede arrivare una bellissima donna e dice al suo amico: «Caspita, che bella donna! Me la farei…» E il vicino gli risponde: «Ma quella è mia moglie!» E Bonaiuti: «Ah, ma pagando!».

Daniele Capezzone, Portavoce del Pdl

Berlusconi tra Inferno e Paradiso

Un brutto giorno, a centoventi anni, Silvio Berlusconi viene a mancare. È una scomparsa prematura, a soli centoventi anni…Naturalmente va subito in Paradiso, dove viene ricevuto con tutti gli onori da san Pietro, che lo abbraccia e gli si rivolge con un rispetto assoluto: «Dottor Berlusconi, noi la aspettavamo qui…Il nostro gruppo è ammirato per quello che lei ha fatto nella sua vita come imprenditore, come politico, come uomo di sport…E per lei abbiamo immaginato una procedura eccezionale, mai concessa a nessuno. Abbiamo automaticamente escluso il Purgatorio, e le lasciamo scegliere fra Paradiso e Inferno. Ha la possibilità di fare una mezza giornata di prova sia all’Inferno che in Paradiso, e poi sarà lei a scegliere».

Berlusconi è lusingato da questa possibilità, accetta volentieri, e dice: «Allora, proverò la mezza giornata all’Inferno, poi torno qui e faccio quella in Paradiso, così poi decidiamo». Un ascensore lo porta all’Inferno, si aprono le porte e Berlusconi vede uno scenario meraviglioso: campi da golf, signorine, tanti amici dell’editoria, della politica… Satana che lo invita a un pranzo eccezionale, fiumi di vino meraviglioso… Berlusconi rimane molto impressionato, e Satana gli dice: «Spero che lei scelga noi… Ha visto che meraviglia!»

Berlusconi risale l’ascensore e va a fare la mezza giornata di prova in Paradiso. E lì, diciamo la verità, si rompe le palle alla grande: su una nuvoletta c’è Capezzone che suona l’arpa, su altre tre nuvolette i coordinatori del Pdl, una rottura di scatole micidiale per tutto il pomeriggio. Va da san Pietro e dice: «Senta, io ho provato entrambi, non si offenda ma io sceglierei l’Inferno, perché è molto meglio!»
«È sicuro?» chiede san Pietro «ha scelto?»
«Sì sì, vada per l’Inferno!» dice Berlusconi.

Si salutano, e il premier prende l’ascensore che lo porta all’Inferno, non per mezza giornata ma per l’eternità. Si aprono le porte, e l’Inferno di prima non c’è più: spariti i campi dal golf, sparite le signorine, spariti gli amici. Rimane solo una landa desolata, cumuli d’immondizia, caos totale… Berlusconi capisce che è stato vittima di una fregatura colossale. Chiede un incontro con Satana e lui, con sguardo satanico, dice: «Caro Berlusconi, prima era campagna elettorale, adesso lei ha già votato per noi e le cose sono cambiate!».
© 2010 Aliberti editore. Tutti i diritti riservati

Tratto da Claudio Sabelli Fioretti, Giorgio Lauro, Alice Gioia, Diego Giuliani, Onorevoli Risate, Aliberti Editore, pp. 180, euro 13.

Leggi tutto