Berlusconi: "Punire quei pm"

1' di lettura

Così il presidente del Consiglio in un videomessaggio inviato ai promotori della Libertà. "Nel corso dell'inchiesta sul caso Ruby sono state commesse violazioni dei principi costituzionali". E torna ad annunciare una riforma della giustizia. VIDEO

Berlusconi e le donne: L'ALBUM FOTOGRAFICO
In piazza contro Berlusconi: FOTO

Guarda anche:
La procura di Milano indaga su Berlusconi
Il video messaggio del premier: "Mai pagato donne"
Intervista a Ruby: "Mai fatto sesso con Berlusconi"
Berlusconi: sono sereno e mi diverto. Non andrò dai pm

Guarda in alto il videomessaggio



"Vorrei andare subito dal giudice" per difendermi da accuse che è "facilissimo smontare", e chiedere l'archiviazione della vicenda, ma "non posso presentarmi da giudici che non hanno competenza né funzionale né territoriale" e che "vogliono utilizzare questa vicenda come strumento di lotta politica". Silvio Berlusconi torna a parlare del caso Ruby. Lo fa con un videomessaggio inviato ai Promotori della Libertà sottolineando che sono state commesse "violazioni di legge incredibili" che vanno "contro i più elementari principi costituzionali".

Il presidente del Consiglio è tornato poi ad attaccare i pm di Milano che lo hanno indagato per concussione e prostituzione minorile: "Vogliono sovvertire il voto popolare". E annuncia: "Continuerò a lavorare" anche per fare quelle "riforme" tese a "garantire che i magistrati di sinistra non possano più cercare di far fuori chi è stato eletto dai cittadini".

Nel testo del messaggio c'era scritto: "Una procedura irrituale e violenta indegna di uno stato di diritto che non può rimanere senza una adeguata reazione". Il premier tuttavia ha corretto nel video-messaggio parlando di una procedura "che non può rimanere senza un'adeguata punizione".

A proposito delle feste finite sotto accusa il premier ribadisce: "Non c'è nulla di cui dovrei vergognarmi".

Agli attacchi di Berlusconi rispondono il Presidente dell'Anm Luca Palamara e il segretario
dell'Associazione nazionale magistrati Giuseppe Cascini:  "I magistrati svolgono il loro
difficile compito con serietà e rigore, nel pieno rispetto delle norme processuali e dei diritti delle persone coinvolte, con l'unico scopo di accertare i fatti".

Tutti i video sul caso Ruby

Leggi tutto