Berlusconi: "Sì al faccia a faccia tv. Con regole precise"

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi
1' di lettura

Il premier si dice disposto a un confronto televisivo se regolamentato. Favorevole anche Bersani. E il direttore di SkyTG24 raccoglie l'invito: "Noi siamo già pronti con un nostro progetto a garantire massimo equilibrio ed imparzialità"

Guarda anche:
Berlusconi in tv solo contro Prodi e Occhetto
I faccia a faccia alle Regionali 2010

Berlusconi: se ci fossero regole parteciperei ai talk show - Silvio Berlusconi sarebbe disponibile a partecipare a un talk show se ci fossero "regole" che garantissero l'imparzialità del confronto. L'apertura da parte del presidente del Consiglio a intervenire a un faccia a faccia tv è arrivata nel corso del tradizionale appuntamento con la  conferenza stampa di fine anno.
Ad una domanda sulla disponibilità di un faccia a faccia con i leader politici dell'opposizione, Berlusconi ha ribadito di "non apprezzare assolutamente le trasmissioni attuali di confronto che sono senza regole". "Le voci si sovrappongono - ha proseguito - con risultati di incomprensibilità, con comportamenti non educati che creano un distacco dalla politica". In Italia, ha spiegato il premier, "non c'è una regola che assicuri l'imparzialità della conduzione e la parità degli interventi. In Gran Bretagna e negli Usa - ha aggiunto - ci sono regole rigorose sull'imparzialità del conduttore, sul modo di porgere domande e sui tempi di risposta". "Se ci fossero regole precise - ha detto ancora - andrei. Io ebbi regole nei confronti con Prodi, Occhetto, D'Alema, lì ci erano state garantite ad entrambi regole precise, ma successivamente non sono mai state attuate".

Bersani favorevole al faccia a faccia - Immediata la replica del leader del Pd Pierluigi Bersani che ha dichiarato di accettare l'invito a un duello tv con Berlusconi in caso di elezioni, ma a patto che "non ci siano le regole di Arcore". E ha aggiunto: "Lui la scusa per non fare il faccia faccia la trova sempre, io invece ci sto, con regole normali, o dobbiamo fare le regole di Arcore? Scelga il premier quali sono le regole, facendo una media tra quelle europee, non dei Paesi dove va di solito, oggi gli ho addirittura sentito lodare la capitale kazaka, abbiamo massimo rispetto, ma non vorrei quel modello".

Emilio Carelli: noi siamo pronti - ''La disponibilità espressa dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per la partecipazione ai faccia a faccia televisivi con i leader dell'opposizione è un'ottima notizia per il mondo dell'informazione italiana così come il sì al confronto diretto con il premier ribadito dal segretario del Partito democratico, Pierluigi Bersani''. Queste le parole del direttore di SkyTG24, Emilio Carelli, impegnato in una campagna per la realizzazione di confronti televisivi in diretta.
"Raccogliamo l'invito del premier ad organizzare i dibattiti 'faccia a faccia' - aggiunge Carelli - garantendo fin d'ora che siamo già pronti con un nostro progetto a garantire regole certe, massimo equilibrio ed imparzialità. Tra l'altro il modello al quale intendiamo ispirarci è esattamente quello americano e inglese citato oggi dal presidente del Consiglio". 

Le parole di Bersani:

Leggi tutto