Totò e quei tre voti in Parlamento

1' di lettura

Gli Onorevoli è un film di Sergio Corbucci del 1963, ma Antonio La Trippa da Roccasecca sembra un politico prestato al cinema dall'attualità di queste ore. Guarda il FILMATO

Guarda anche:
Fiducia alla Camera: tutte le reazioni
Guerriglia a Roma, scontri con la polizia: le foto
Assalto alle forze dell'ordine e pistole: le foto
Berlusconi: i giorni della (s)fiducia. TUTTE LE FOTO
Traditori e pentimenti. Quando un sol voto decide il governo


"In parlamento tre voti possono essere determinanti per salvare il Governo"... Sembra la cronaca di queste ore e invece è uno dei passaggi più celebri de film del 1963 con Totò, Gino Cervi, Franca Valeri, Peppino De Filippo e Aroldo Tieri con la regia di Sergio Corbucci
"Io non ho sovvenziato il partito per romantiche nostalgie, io ho fatto un investimento che mi deve fruttare", spiegavano politici più navigati e spregiudicati ad un incredulo  Antonio la Trippa, alias Totò, che proprio non riusciva a comprendere il concetto di Do ut des: "Scusate la mia ignoranza in questa specie di politica, ma io so che il deputato deve fare gli interessi dell'elettore, di colui che gli ha dato la fiducia e il voto...". "Cose d'altri tempi, roba passata", gli rispondono.
Guarda il video

Leggi tutto