Governo assediato dentro e fuori dal Palazzo

1' di lettura

Giornata cruciale per le sorti dell'esecutivo. Doppia votazione sulla fiducia alla Camera e al Senato, Berlusconi e Fini alla conta. Roma è blindata, previsti in giornata tre cortei, ma sono probabili anche blitz dimostrativi

SEGUI LA DIRETTA DAL SENATO

Guarda anche:
Voto di fiducia: tutti i possibili scenari
Berlusconi: i giorni della (s)fiducia. L'ALBUM FOTOGRAFICO
Traditori e pentimenti. Quando un sol voto decide il governo

(in fondo al pezzo i video della due giorni decisiva per le sorti del governo)

E' il giorno della verità. Doppia votazione, prima in Senato e poi alla Camera sulla mozione di sfiducia.
La sorte del governo Berlusconi è legata alle decisioni di un drappello di 7-8 deputati che sulla carta, esclusi gli indecisi ma incluse le tre onorevoli in dolce attesa, dovrebbe contare su 313 voti di sfiducia e 310 di fiducia, con il presidente della Camera Fini e i due deputati della Svp Brugger e Zeller che si asterranno.
Ma il conteggio che si torna a fare, dopo il nuovo ricompattamento di Fli, è ancora assolutamente aleatorio: non solo perché legato alle scelte e possibilità di voti dei 7 incerti, ma anche perché non è certo che i parlamentari di Fli voteranno effettivamente compatti. Ai 7 incerti dichiarati, infatti, bisognerebbe aggiungere anche il voto di Maria Grazia Siliquini, la 'colomba' Fli che non sembra volersi piegare, nonostante i tentativi di mediazione interni, a votare contro il governo.
A sentire i bookmaker, che ormai hanno chiuso le giocate sulla sorte del governo in carica, le chances di 'sopravvivenza' della maggioranza di governo sono tuttavia sempre in ribasso.

Gli indecisi e le gravidanze - Sono sette o otto i voti che tengono in pungo le sorti del governo. Al gruppo appartengono le tre deputate in gravidanza che sono nella lista dei 313 deputati che rimangono tra i firmatari delle mozioni di sfiducia al governo. Tra queste sembra certo che sia impossibilitata a partecipare al voto Giulia Bongiorno mentre è possibile che possano partecipare alla votazione sia Federica Mogherini (Pd), a cui scade il tempo oggi, sia Giulia Cosenza che aveva annunciato l'intenzione di arrivare in Aula anche in ambulanza. Tra questi voti è incerto anche quello della Siliquini.
Sono invece quattro i parlamentari ancora indecisi.
Ci sono i tre neo-iscritti a Movimento responsabilità nazionale, che partono da tre posizioni diverse ma vorrebbero arrivare ad una composizione unitaria: sono Massimo Calearo, che era per l'astensione ma ha detto che "se determinante" voterà per il governo; Bruno Cesario che era per la fiducia e Domenico Scilipoti che era per la sfiducia. In bilico fino all'ultimo la posizione di Paolo Guzzanti che registra però in serata la decisione della Direzione Nazionale del Partito Liberale Italiano che gli ha dato mandato a votare a favore della mozione di sfiducia che peraltro reca la sua firma.

Sfiducia - Mettendo insieme i voti di Fli, Udc, Pd, Idv, Api, Mpa con quelli di Giulietti, Nicco, La Malfa e dei due Libdem Tanoni e Melchiorre il totale è 313 che scende a 312 senza la Bongiorno, a 311 senza la Siliquini e a 309 se non dovessero votare le altre due deputate in attesa.

Fiducia - Mettendo insieme i voti i voti Pdl, Lega, Noi Sud (12 incluso il transfuga Idv Razzi) con quelli di Pionati, Nucara, Grassano e Catone il totale fa 310. Ma a questi si potrebbero aggiungere i voti degli indecisi, arrivando fino a quota 314.

Roma, parlamento blindato - Diversi cortei con migliaia di partecipanti, una apposita sala operativa in questura per monitorarne il percorso, 1.500 agenti in strada: oggi, in occasione della manifestazione degli studenti contro il governo, il centro di Roma è blindato. Le forze dell'ordine si muoveranno come in un unico marchingegno mobile per scongiurare tensioni e scontri, visto che parte degli studenti hanno annunciato di voler "violare le 'zone rosse' e puntare dritto in piazza Montecitorio", il cui accesso è stato vietato. Il Popolo Viola ha invece annunciato una catena umana intorno alla Zona Rossa. 

Bday, tutti i video della due giorni decisiva per le sorti del governo



Leggi tutto