Bocchino: il centrodestra non è Mediaset

1' di lettura

Il capogruppo di Fli alla Camera attacca Berlusconi: "Il vero ribaltone l'ha fatto lui, espellendo Fini dal Pdl. Usa i voti dell'opposizione per cacciare chi è stato eletto con la maggioranza"


Guarda anche:
Voto di fiducia: tutti i possibili scenari
Berlusconi: i giorni della (s)fiducia. L'ALBUM FOTOGRAFICO
Traditori e pentimenti. Quando un sol voto decide il governo

"Non esiste in Italia un beneficiario della Prima repubblica come Berlusconi", ha attaccato il capogruppo di Futuro e libertà, Italo Bocchino, nel suo intervento alla Camera, nel dichiarare il voto dei futuristi contro il governo. "Ci faccia lezione su come si diventa ricchi - ha aggiunto Bocchino -, ma mai su come si combattono le degenerazioni politiche. Quando noi scendevamo in piazza contro il comunismo, lei costruiva palazzi, mentre eravamo in piazza a picconare la Prima repubblica, lei parlava con i suoi personaggi di terreni edificabili e concessioni tv''. Nessun ribaltone da parte di Futuro e libertà, ha dichiarato poi Bocchino.

"Il ribaltone, Signor presidente del Consiglio, lo ha fatto lei, espellendo per lesa maestà il presidente Fini. Questo è il ribaltone della volontà popolare: si serve dei voti dell'opposizione per cacciare coloro che sono stati eletti in maggioranza". Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, "sta tradendo la rivoluzione liberale promessa agli italiani. Si dimetta, noi voteremo compatti la sfiducia", ha concluso Italo Bocchino.

Bday, tutti i video della due giorni decisiva per le sorti del governo




Leggi tutto