Governo, 48 ore per la resa dei conti

1' di lettura

Al via la due giorni parlamentare decisiva per Silvio Berlusconi e l’esecutivo. Lunedì il discorso programmatico, martedì il voto. Ecco in sintesi il timing

Guarda anche:
Beautiful Lab: la relazione Fini-Berlusconi in 4 minuti
Berlusconi e la maledizione dei presidenti della Camera
Voto di fiducia: tutti i possibili scenari
16 anni di scontri politici: le parole più usate
Berlusconi: i giorni della (s)fiducia. L'ALBUM FOTOGRAFICO


(guarda in fondo all'articolo tutti i video sulla crisi della maggioranza)

Inizia alle 9 di lunedì 13 dicembre la due giorni decisiva per Silvio Berlusconi e il suo governo. Una maratona parlamentare che vede il presidente del Consiglio impegnato contemporaneamente al Senato e alla Camera. Lunedì il discorso programmatico, martedì il verdetto delle due Aule. A Palazzo Madama il premier andrà a raccogliere una fiducia che appare scontata, vista l'ampia maggioranza di Pdl e Lega. Mentre a Montecitorio sarà guerra all'ultimo voto. E allora sia Berlusconi che Gianfranco Fini lunedì sera riuniranno i rispettivi gruppi per serrare le fila.

Ecco in sintesi il timing della due giorni parlamentare:

13 dicembre, il discorso alla Camera e al Senato - Alle 9 di lunedì l'intervento di Berlusconi a Palazzo Madama. Poi, fino alle 14, la discussione generale sulle risoluzioni di sostegno che verranno presentate alle dichiarazioni del premier e sulle quali il governo chiederà la fiducia. Il pomeriggio l'attenzione si sposta alla Camera, dove alle 16 è prevista l'illustrazione e la discussione sulle mozioni di sfiducia di Pd-Idv e Fli-Udc-Api. Al termine, intorno alle 19, al presidente del Consiglio spetterà la replica a nome del governo.

La vigilia del voto - Lunedì sera, al termine dell'intervento di Berlusconi a Montecitorio, Pdl e Fli si riuniranno con i rispettivi leader, per confermare la posizione da tenere il giorno dopo e non rischiare sorprese in Aula. Il Cavaliere incontrerà i deputati a cena. Fini parlerà con i suoi e si potrà allora capire se anche le 'colombe' di Fli, come assicura il presidente della Camera, voteranno la sfiducia al governo.

14 dicembre, il doppio voto sul governo - Nella mattina di martedì si decideranno le sorti dell'esecutivo. Il via a Palazzo Madama, alle 9, con le dichiarazioni di voto. Poi i senatori sfileranno sotto il banco della presidenza per pronunciare il loro sì o no alla fiducia posta dal governo. Il tutto si dovrebbe concludere intorno alle 11.30. Si partirà invece alle 10.30 alla Camera, con le dichiarazioni sulla sfiducia. Dopo circa un'ora il via alla prima 'chiama' per il voto, che sarà uno solo, anche se le mozioni sono due. I sì, i no, ma anche le astensioni saranno fondamentali per la sopravvivenza del governo. Entro il primo pomeriggio, subito dopo che l'ultimo dei deputati avrà espresso il suo voto, arriverà il risultato.

Il voto di fiducia in diretta su SkyTG24 - A partire dalla mattina del 13 dicembre fino alla notte del 14 SkyTG24 dedica una maratona di 48 ore al passaggio parlamentare più delicato e storicamente significativo dell'esperienza di governo di Silvio Berlusconi; diretta fiume dall'interno delle aule di Camera e Senato per documentare gli interventi del presidente del Consiglio, il dibattito parlamentare, le dichiarazioni di voto e raccogliere a caldo umori e reazioni dei parlamentari.

Guarda tutte le notizie sulla crisi della maggioranza:

Leggi tutto