Berlusconi: “Spero che la notte porti consiglio a Fli"

1' di lettura

Il premier nella sua controreplica chiede di non rompere il fronte dei moderati. Poi difende gli accordi con Putin e rivendica: "In 56 giorni risolto il problema dei rifiuti a Napoli". IN DIRETTA GLI AGGIORNAMENTI IN AULA

Qui sopra la replica del premier

(in fondo al pezzo i video della due giorni decisiva per le sorti del governo)

Guarda anche:
Il premier è debole, dice la Finocchiaro
Berlusconi: i giorni della (s)fiducia. L'ALBUM FOTOGRAFICO
Traditori e pentimenti. Quando un sol voto decide il governo

Bday - Al via la 'due giorni' decisiva per le sorti del governo Berlusconi. Una maratona parlamentare che vede il presidente del Consiglio impegnato contemporaneamente al Senato e alla Camera (guarda la fotogallery). Dopo il discorso programmatico in Aula di lunedì 13 dicembre, martedì si avrà il verdetto di Camera e Senato.   
Palazzo Madama e Montecitorio, infatti, sono chiamati il 14 dicembre a confermare la fiducia al governo Berlusconi. Mentre al Senato il premier ha una maggioranza confortevole, al Senato essa sembra legata a un pugno di voti.

La controreplica di Berlusconi - Dopo gli interventi dei senatori, il presidente del Consiglio è intervenuto per la sua controreplica. Ha iniziato invitando i senatori di Futuro e Libertà a "riflettere veramente con serietà su ciò che vi accingete a fare perché rompere il fronte dei moderati va contro la storia del nostro paese e non vorrei che domani vi possiate trovare con questo peso addosso". Berlusconi ha quindi difeso l'operato del suo governo. Il Cavaliere ha dichiarato che a L'Aquila "è stato fatto tutto in modo superlativo", denunciando "il fango che si è voluto gettare addosso alla Protezione Civile" che invece, ha detto, ha lavorato "in modo esemplare e con onesta". Per quanto riguarda i rifiuti a Napoli, secondo il premier, la colpa è della sinistra che governa a livello locale. 
Berlusconi infinte respinge le accuse secondo cui avrebbe interessi personali nei rapporti con la Russia. "Voi stavate con l'Unione Sovietica quando non dovevate starci e ora che dovreste avere a cuore la federazione russa siete contro - ha detto il premier rivolto ai banchi dell'opposizione - Nella mia vita ho conseguito una fortuna personale, garantisco sui miei figli che nessun dollaro è entrato nelle mie tasche grazie a questa diplomazia commerciale". In conclusione il Cavaliere ha lanciato un accorato appello "agli amici di Fli" augurandogli di "passare una notte piena di riflessioni" e augurandosi che "la notte porti veramente consiglio".

L'intervento in Aula - Durante la mattina del 13 dicembre, Berlusconi aveva aperto i lavori con un discorso più lungo e articolato in cui aveva proposto un patto di legislatura a tutti i moderati, spiegando che la fiducia aprirà una fase nuova. Il Paese ha bisogno di continuità, aveva detto, ed è follia politica aprire una crisi al buio. Aveva poi definito grottesca la somma dei voti Pdl-Fli-Pd-Idv per un governo tecnico, invitando i finiani a non gettare via quanto fatto insieme in questi anni. Per la riforma elettorale - aveva aggiunto il premier che si era detto pronto a rafforzare la squadra di governo - il bipolarismo resta un limite invalicabile. E no al tradimento del mandato, meglio elezioni.

Serve un patto di legislatura - Silvio Berlusconi ha offerto inoltre un nuovo patto di legislatura a tutti i partiti che si riconoscono nell'area del Partito popolare europeo, proponendo quindi di allargare l'attuale maggioranza di governo.
Il premier aveva fatto appello inoltre ai tre partiti che nella prima parte della legislatura hanno sostenuto l'attività di governo (il "Pdl, il Fli e la Lega", chiamati tutti e tre per nome dal capo del governo) di dare la fiducia al governo per potere andare avanti ma ha anche parlato esplicitamente di "allargamento" della maggioranza all'area che si riconosce nel Partito popolare europeo.  E' parso chiaro il richiamo all'Udc di Pier Ferdinando Casini, finora in questa legislatura all'opposizione.

Ricomporre l'unità dei moderati - Martedì 14 dicembre Berlusconi si trova a dover affrontare due voti di fiducia alla Camera e al Senato dopo aver litigato astiosamente con il presidente della Camera Gianfranco Fini che lo ha accusato di gestire il partito come un monarca.
La rottura politica con l'ex leader di Alleanza Nazionale lo ha privato di una maggioranza più che confortevole e ha messo in bilico la prosecuzione della legislatura. Prima delle elezioni del 2008 l'ex alleato Casini era stato espulso dall'alleanza elettorale tra Pdl e Lega Nord perché aveva rifiutato di sciogliere il suo partito e farlo confluire nel Pdl.
"E' mia responsabilità ricomporre l'alleanza fra tutte le forze moderate che oggi ritroviamo oltre che nel Pdl, nella Lega, nel Fli e nell'Udc", ha detto il presidente del Consiglio. "Le divisioni non sono insormontabili. Devono prevalere buon senso e misura. Questo è quanto ci chiede il popolo dei moderati".
Berlusconi ha aggiunto che "l'unità dei moderati è il frutto più prezioso del mio ultradecennale impegno politico". Si tratta di "un patrimonio di inestimabile valore e nessuno può essere così irresponsabile da distruggerlo volontariamente o involontariamente".

Il voto di fiducia in diretta su SkyTG24 - A partire dalla mattina del 13 dicembre fino alla notte del 14 SkyTG24 dedica una maratona di 48 ore al passaggio parlamentare più delicato e storicamente significativo dell'esperienza di governo di Silvio Berlusconi; diretta fiume dall'interno delle aule di Camera e Senato per documentare gli interventi del presidente del Consiglio, il dibattito parlamentare, le dichiarazioni di voto e raccogliere a caldo umori e reazioni dei parlamentari.

Leggi anche:
Beautiful Lab: la relazione Fini-Berlusconi in 4 minuti
Voto di fiducia: tutti i possibili scenari

Bday, tutti i video della due giorni decisiva per le sorti del governo

Leggi tutto